< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • March 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/03/2011

    Abiti, monaci

    Filed under: — JE6 @ 09:10

    Forse aveva ragione Lombroso, o forse è il prodotto del lavoro di decenni di annewintour, forse è questo e pure la deformazione professionale di una vita passata a dividere in gruppi di persone unite da elementi comuni, non lo so. So che spesso mi capita di guardare fotografie vecchie o recenti, o immagini televisive che mi mostrano volti e avere la sensazione che quelle persone non potessero avere altro che quei tratti – il camorrista, lo studente di ingegneria, il quarantenne ottimista e di sinistra, la donna in carriera, il figlio di buona famiglia e così via, e spesso la cosa mi consola, mi consola vedere che in quest’epoca di sforzi tremendi e continui di coltivazione del nostro io siamo così uguali gli uni agli altri, anche visivamente – dai tratti somatici agli abiti che portiamo alle acconciature che coltiviamo – tanta cura per non essere distinguibili, come i cinesi agli occhi di un occidentale.

    Leave a Reply