< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • March 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/03/2011

    Smile

    Filed under: — JE6 @ 09:11

    Non so se è per mostrare il lato umano dell’azienda che vogliono pubblicare le nostre fotografie sul sito web. Comunque, arriva la convocazione: quel giorno, a quell’ora, cercate di non prendere appuntamenti – e il fotografo che manda un suo messaggio e dice vestitevi come vi pare, indossate qualcosa che rispecchi la vostra personalità, e tutti a rendersi conto che hai voglia, che già definire la propria personalità è un’impresa disperata, figurati trovare nell’armadio qualcosa che lo faccia con colori e tessuti e bottoni e risvolti, dici che un vestito rosso è esagerato, non penserai di non mettere la cravatta, così mi tocca andare dal parrucchiere. Comunque si aprono i teli, si provano le luci, sì puoi tenere le mani in tasca, dai ne facciamo un’altra, forse è meglio di tre quarti, io toglierei la giacca, così adesso abbiamo un lungo striscione, un paio di metri abbondanti di carta che adornano uno dei muri dell’open space, ci sono i rettangoli delle nostre foto, gli uni sopra gli altri, qui è pieno di belle ragazze ma in queste foto sembrano ancora più belle, e sorridiamo (quasi) tutti, anche in quella che abbiamo fatto sedendoci stretti sulla scala, proprio come una classe di liceali – nel frattempo qualcuna ha cambiato colore dei capelli, io mi sono fatto crescere la barba, le strade si riempiono di manifesti di volti sereni e affidabili, le elezioni si avvicinano.

    2 Responses to “Smile”

    1. plus1gmt Says:

      Almeno lì da te ci provano con un fotografo professionista. Qui, nel tempio del self-made, regnano occhiaie e pelate riflettenti.

    2. Stella Says:

      Una fotografia, come anche la propria firma, rispecchia davvero chi sei e cosa vivi, più di quanto si possa credere. E’ ovvio che bisogna saper cogliere il più…e per fortuna non è da tutti!!!

    Leave a Reply