< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • March 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/03/2011

    Firme

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Una decina d’anni fa scannerizzai una mia firma, per motivi di lavoro. Mi sedetti davanti a un foglio A4 bianco, feci una quindicina di firme, scelsi quella che mi sembrava la migliore; da allora me la porto dietro, da un hard disk all’altro, e continuo a usarla – offerte, presentazioni, cose così.
    L’altro giorno una persona che stava rivedendo un mio lavoro ha guardato quella vecchia immagine e mi ha detto “Che bella firma che hai”, e allora ho pensato che oggi non firmo più così, firmo in modo abbastanza diverso; mi sono chiesto se capita anche ad altri di cambiare scrittura da adulti – ma non è solo quello, è che la cosa della firma è particolare, sei tu, nome e cognome nero su bianco, è come se fosse la tua fotografia, cambiare la firma è come farsi una plastica facciale, o almeno un lifting – qualche tempo fa ho firmato un foglio ma quella riga continua mi era venuta tanto male che mi dava fastidio guardarla, quello non ero mica io, allora ci ho tirato sopra una riga e ho firmato un’altra volta, qualche centimetro più in là, come un’altra iniezione di botox.

    2 Responses to “Firme”

    1. Sempre un po' a disagio Says:

      Capita anche a me questa cosa della firma. Cioè non riesco a fare una firma con nome o cognome. Mi esce storta, frettolosa, qualcosa che va oltre l’illeggibilità. E dire che con la grafia non ho cattivissimi rapporti. Ma niente, non mi esce una firma civile e educata. Penso, per quanto mi riguarda, sia qualcosa che ha a che fare con il pudore, la vergogna, la timidezza. Ma più di tutti, ed è una risposta azzardata, è un’incapacità inconscia di chiudere, di sancire, di definire. Di metterci la firma, insomma. Come diceva Ottiero Ottieri conosco il senso di margine, non aderisco mai totalmente alle cose. Scusa se mi sono dilungato.

    2. Gio Says:

      È come una fotografia… si invecchia.

    Leave a Reply