< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • L’Italia fuori dalla mischia
  • Oval Office
  • Tennis, tv, trigonometria, scissione
  • Vincere le battaglie e perdere le guerre
  • Il potere di una virgola
  • Partiti
  • Che libri legge Donald Trump?
  • Come diventare buoni
  • Primo quadrimestre
  • Ufficio reclami
  • March 2011
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/03/2011

    Look right

    Filed under: — JE6 @ 09:49

    L’uomo si avvicina al centro della strada, camminando sulle strisce bianche. Il braccio sinistro tiene stretto un mucchio di carte e un blocco appunti. Guarda lo schermo di un telefono. Io ho un pezzo di focaccia in mano, lo mordo mentre butto un occhio prima a sinistra e poi a destra, nel momento in cui inizio ad attraversare la via. Vedo la macchina che arriva veloce, troppo veloce, è una macchina grossa e grigia, il parabrezza rimanda un riflesso del sole di questo giorno di primavera. Grido, e solo dopo mi renderò conto che ho usato la stessa parola che usavamo da bambini, una parola in dialetto, noi che la lingua di qui non la parlavamo mai – ocio, occhio, stai attento – grido e l’uomo, senza capire, non fa altro che fermarsi, sicuro di poterlo fare perché sta camminando sulle strisce bianche, non fa altro che fermarsi e girare la testa verso il punto dal quale ha sentito arrivare un grido. Mi vede, e probabilmente ho ancora la focaccia in mano vicino alla bocca, e in quel preciso momento la macchina grossa e grigia sfreccia, a un passo da lui. Per un istante si ferma tutto, le persone che escono dal centro uffici, il tram all’incrocio con il grande viale che porta fuori città, i clienti della farmacia. Io faccio i due o tre passi che mi dividono dall’uomo, lui mi fa un mezzo sorriso stupito e mi dice grazie, io gli rispondo figurati, non l’avevo proprio vista, non ha nemmeno rallentato, grazie, ma di nulla. Facciamo un’altra decina di passi, affiancati, io prendo a destra, lui invece a sinistra, mi guarda e dice serio ma senza enfasi mi hai salvato la vita e io non rispondo perché mi pare una cosa troppo grossa per aver semplicemente gridato come facevo quando avevo undici anni e il centravanti della squadra del palazzo rivale si avvicinava di corsa alla nostra porta, ciao ci vediamo, ciao buona giornata.

    One Response to “Look right”

    1. Gio Says:

      Gli uomini son stati fatti per cose “grosse”, o meglio… grandi! Stupiscitene, perché è quello che ti è chiesto.

    Leave a Reply