< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Telefonami tra vent’anni
  • Pausa pranzo
  • Le cose, passano?
  • Accumuli
  • Da fuori, standoci dentro
  • Grazie
  • Compagni
  • L’Italia fuori dalla mischia
  • Oval Office
  • Tennis, tv, trigonometria, scissione
  • September 2007
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/09/2007

    Non ci sono più le mezze stagioni

    Filed under: — JE6 @ 08:44

    Infatti si è passati direttamente dall’estate all’inverno, e non cercate di farmi credere che dalle vostre parti è autunno.

    28/09/2007

    Grazie

    Filed under: — JE6 @ 16:01

    Wikipedia

    Pendolo

    Filed under: — JE6 @ 12:39

    Non so se capita anche a voi: a me succede sempre più frequentemente di trovarmi nell’imbarazzo di dare un giudizio su questo o quel fatto perchè qualunque giudizio mi sembra sbagliato. Faccio un esempio il più possibile innocuo (ah, beata ingenuità: si parla di calcio): Walter Novellino, allenatore del Torino, non ce l’ha fatta a stare distante dai suoi giocatori. Per incontrarli negli spogliatoi del Parma, ieri sera Novellino si è nascosto dentro la cesta della biancheria sporca ma un giudice sportivo l’ha sorpreso e multato di 10 mila euro”. Premesso che si tratta di una scemenza, la mia prima reazione è quella di farmi una risata, perchè l’idea di uno stagionato signore che si ficca in una cesta di biancheria mi pare degna di un film di Louis De Funes, o di Alvaro Vitali; però poi mi pare di sottovalutare la faccenda, e penso che bisognerebbe essere severi – il giusto – anche con chi usa i mezzucci che il caso gli mette fra le mani; però poi mi pare di esagerare, mi dico che i problemi sono altri, che in fondo Novellino stava forse solamente provando a fare il suo lavoro nel migliore dei modi, che non voglio diventare uno alla “gli è tutto sbagliato, gli è tutto da rifare”; e insomma, posso andare avanti così ad libitum sfumando – e mi sa che nel mio piccolissimo sono una fotografia fedele del paese nel quale vivo (meglio, il paese nel quale vivo è una fotografia fedele del sottoscritto, sia detto con la dovuta modestia).
    Repubblica.it

    Crudele

    Filed under: — JE6 @ 10:51

    Sarò limitato, ma faccio fatica a considerare un certo tipo di esecuzione capitale più “crudele” di un altro.
    Repubblica.it

    27/09/2007

    Povera stella

    Filed under: — JE6 @ 15:07

    Ieri sera ho provato un moto di tenerezza e compassione nei confronti della sventurata Ritanna Armeni, che non riusciva a farsi una ragione del fatto che si possa pensare che il liberismo può essere di sinistra – “ma perchè ce l’avete così con i sindacati”, “abbiamo parlato degli ultimi, ma pensiamo anche ai primi”, “così non ci sono più destra e sinistra” – e stava lì, accerchiata (e non solo metaforicamente) da quattro maschi duri puri e cattivi con la faccia di una che pensa “Mastella si lamenta delle imboscate in tv, ma pure io non sto messa tanto bene – il fatto è che mi pagano e come faccio a lamentarmi”.
    La7

    Usare il vocabolario

    Filed under: — JE6 @ 12:13

    Sì, va bene, quanto è bella la franchezza, quanto è giusto il rapporto diretto e spassionato tra medico e paziente; però, dico io, usare qualche giro di parole, qualche accrocchio di eufemismi al posto di frasi come “molto bene, adesso le tiro un po’ giù l’osso e le apro la gengiva” – ecco, pare brutto?

    26/09/2007

    Grandi vecchi

    Filed under: — JE6 @ 13:22

    Nel 1978 avevo dodici anni, e di Enzo Bearzot non avevo mai sentito parlare: non era un grande nome, di quelli che venivano spinti dal lustro dei grandi club che avevano allenato in passato – come poi sarebbe successo con commissari tecnici di fama pari all’ingaggio percepito. Però, celebrità o non celebrità, l’uomo doveva essere capace, se la nazionale italiana di calcio fu in grado non solo di dare spettacolo, ma anche di ritornare a risultati che da parecchio tempo non raggiungeva. Di Bearzot ho un ricordo strano, con il suo volto che si sovrappone e si confonde con quello di Pertini, il Pertini che rideva e rideva in tribuna mentre l’Italia vinceva un campionato mondiale tanto bello quanto bislacco e perciò indimenticabile. Persone serie nel senso migliore del termine, persone che oggi si fa una dannata fatica a trovare, e ancor maggior fatica a premiare nell’unico modo sensato: dando loro responsabilità e fidandosi, sapendo che quella fiducia – quale che sia il risultato ottenuto – non è stata data invano.
    Repubblica.it

    Oasi (reprise)

    Filed under: — JE6 @ 10:09

    Sempre a proposito di Autogrill, ieri sera sono rimasto una decina di secondi a fissare il cartello che informa gli utenti della gratuità dell’utilizzo della doccia in quel di Fiorenzuola d’Arda, provando a immaginarmi sia le condizioni igieniche dell’attrezzatura sia la tipologia degli utenti. Poi sono entrato in bagno, e ho perso la residua fiducia nell’umanità.

    25/09/2007

    Oasi

    Filed under: — JE6 @ 21:45

    Il titolare qui non è un particolare amante degli Autogrill, e in particolare non ha in grande simpatia quelli grandi, che scavalcano l’autostrada a mo’ di ponte (portando il titolare stesso a scendere sempre dalla parte opposta a quella dove ha parcheggiato la macchina, ma questo è un altro discorso). Però non può non notare che esistono alcune oasi, piccoli autogrill periferici nei quali si respira aria di paese e si può passare una decina di minuti in santa pace, leggendo il giornale e sorseggiando crema fredda al cappuccino – oggi, a Campogalliano, direzione sud; c’era persino un pensionato olandese che intavolava discussioni con le amabili cameriere dal rotondo accento emiliano, mentre cercava un dizionario italiano-tedesco e la smunta libreria offriva soltanto Federico Moccia e Jeffery Deaver.

    24/09/2007

    Papista?

    Filed under: — JE6 @ 12:11

    Con il dovuto rispetto, credo che il Papa abbia scoperto e descritto l’acqua calda parlando dei difetti del sistema economico occidentale; però magari serve che qualcuno ricordi per l’ennesima volta che il comunismo ha perso ma il capitalismo non ha vinto – non come e quanto era nelle sue possibilità.