< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download

    Greetings from (pdf)
    My Own Private Milano (pdf)
    On The Blog (pdf)
    Cinque birilli (pdf)

    Post sotto l'Albero
    ---------------------------
    2003
    2004
    2005
    2006
    2007
    2008
    2009
    2009 (ePub)
    2009 (mobi)
    2010
    2010 (iPad)
    2010 (ePub)
    2010 (mobi)
    2010 (mobi indexed)

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Vivere raccontandola
  • Giusto è ciò che giova al più forte
  • Sfasciacarrozze
  • Tu chiamami se vuoi Marco T.
  • Quarantasette
  • Lavorare stanca
  • Una questione di tempo, di tempi
  • Greetings from Ljubljana 2014 – Prima della tempesta
  • Dacci oggi il nostro pane quotidiano
  • Il mercatino delle rose
  • But I like it (quattro amici al bar)
  • Distillato
  • O forse sono solo i troppi cocktail
  • Il Canal Grande, quello vero
  • Con un braccio da airone
  • La consunzione delle cose
  • Adesso vai
  • “Comunque tutta st’emozione per essere diventati democristiani”
  • Vous etes ici
  • Più reale di noi
  • Un giorno
  • Tempo perso
  • Io ci sono
  • La gomma
  • Goodbye Luis
  • L’appuntamento
  • Ci vuole un fisico bestiale
  • Greetings from Sheffield – Green door, Row F, Seat 1 (un pomeriggio al Crucible)
  • Greetings from Leeds 2014 – Di bocca buona
  • Greetings from Leeds 2014 – Al sole
  • Transistor
  • Vivere per raccontarla
  • Come in un duello
  • Bene, grazie
  • Con ‘sto caldo
  • Bioritmi
  • Per una settimana
  • Contrappassi
  • E ognuno in fondo perso dentro i fatti suoi
  • Squadra Rialzo Milano Centrale
  • August 2014
    M T W T F S S
    « Jul    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/7/2009

    Il bambino Marino

    Filed under: — Sir Squonk @ 17:32

    Non ci vuole un grande allenamento per capire quando, in un discorso di una mezz’ora o giù di lì, l’oratore dice qualcosa a cui tiene veramente, qualcosa di “suo” più di tutto il resto. Lo avverti, e basta: le parole scorrono meglio, vengono scandite nel modo giusto, hanno anima. E’ quello che è successo a Ignazio Marino ieri pomeriggio, presentando il suo programma a Milano. Non sto a parlarvi di Civati-Vincenzi-Calipari, i presenti non erano lì né per loro né per sciropparsi le citazioni di Mitterrand e del Dalai Lama, pomposamente declamate all’inizio della manifestazione. Io e tutti gli altri eravamo lì per sentire cosa Marino aveva da dirci, al netto dello scetticismo o dell’entusiasmo che ci avevano accompagnati in sala. E insomma, le cose stanno così, che Ignazio Marino ha cambiato registro solo quando ha parlato di testamento biologico e di diritti civili; le cose stanno così, che la gente si è scaldata davvero solo in quei momenti, durante quei passaggi. Non sono mancati gli applausi alle celebrazioni della meritocrazia, né alle aeree immagini degli aquiloni di alta quota capaci di catturare il vento e trasformarlo in energia pulita, né alle proposte di detassazione dei prodotti biologici – di fronte alle quali solo l’incrollabile cinismo di noi nostalgici del Politburo opponeva l’ironia di un’IVA agevolata per lo shampoo bio. Ma la vera comunione tra chi stava sul palco e chi stava in platea è arrivata solo quando il chirurgo senatore ha parlato di ciò davvero gli sta a cuore, di ciò a cui ha dedicato vita e passione – al netto delle note spese fasulle di cui mi dicono che parli oggi “Il Foglio”; ed è per questo che mi chiedo perché, nelle oltre due ore di kermesse, non sia mai stato fatto il nome di Beppino Englaro, che pure sedeva in prima fila e che pure è candidato in quota-Marino a guidare il PD lombardo; ed è per questo che mi sono ulteriormente convinto sia dell’inadeguatezza di Marino ad essere il segretario del PD sia della dimensione del suo errore a candidarsi. Votare Marino è come votare il partito dei cacciatori, o quello dei pensionati: è votare un soggetto che non solo è monodimensionale, ma soprattutto è avvertito come tale, in primis dai suoi sostenitori, quelli veri, convinti e ingenui (ché gli altri, beh, lasciamo stare). Però, lo ammetto, non mi è dispiaciuto ascoltarlo, anche se avrei preferito evitarmi tutto il pre-: in questi tempi grami, Marino dà l’impressione di essere una persona valida, capace e in buona fede. Non è poco, e speriamo che il bambino non venga gettato con l’acqua sporca.

    5 Responses to “Il bambino Marino”

    1. freank Says:

      l commento è perfetto. L’emozione è stata proprio quella, palpabile chiara netta. Ma il bisogno di aria fresca e anche di un “bambino” marino è troppo forte per preoccuparci di cosa faremo se per qualche imprevedibile circostanza diventasse davvero segretario del pd. perché allora, in italia sarebbe davvero successo qualcosa di importante e rivoluzionario, e allora ci dovremmo occupare di quello, e sarei felice di farlo

    2. Kerub Says:

      che magari lascia domani.

    3. d.l. Says:

      sì, speriamo…

    4. Razmataz Says:

      Non c’e’ solo la ‘poltrona’ di segretario del PD. L’importante e’ che persone del genere non vengano fatte fuori per logiche di schieramento. L’esclusione dalla commissione di Marino non era certo opera di Berlusconi.

    5. freank Says:

      credo di no

    Leave a Reply