< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • A vent’anni si è stupidi davvero
  • September 2003
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/09/2003

    Filed under: — JE6 @ 17:02

    I blog so’ piezz’ e core
    Eh, sì.
    Technical update: per motivi ignoti ma comunque correlati all’argomento del post citato, il link non funziona. I signori visitatori sono pregati di recarsi chez EmmeBi, e leggersi “Ieri sera Blogger…”

    Filed under: — JE6 @ 08:47

    Farsi del male da soli
    Ieri non era giorno di commenti. Oggi sì. Ve lo appiccico qui sotto, perchè io non avrei saputo dirlo molto meglio.
    Ci dispiace moltissimo per Sergio Ercolano, il ragazzo napoletano morto dopo gli incidenti di Avellino. Ma ci sentiamo più vicini, in molti sensi, al vicequestore Rega, ai poliziotti e ai carabinieri aggrediti da una parte (minima, ma non troppo) della meravigliosa (si dice così, vero?) tifoseria napoletana. Insomma, il povero Ercolano se l’è davvero cercata, a meno che camminare sopra una tettoia di plexiglas per entrare in uno stadio senza biglietto rientri fra i diritti inalienabili del cittadino. E i ritardi nei soccorsi, che tanto hanno fatto imbestialire i suoi compagni di tifo, sono stati dovuti sia ai fumogeni, lanciati dai suoi stessi intelligenti compagni, che alla chiusura della porta che portava al fossato, dove il ragazzo era caduto. Valle Giulia non c’entra niente, ma proprio niente, con Avellino-Napoli, e soprattutto noi non siamo Pasolini, ma quegli agenti inseguiti e picchiati, senza ragione, sono vittime della violenza di altri. Sergio Ercolano, che con la violenza non c’entrava comunque niente, è invece una vittima di se stesso.
    Stefano Olivari, Indiscreto.it

    Filed under: — JE6 @ 08:26

    On The Blog – Quattordici: Sudore e foto d’epoca
    Che tempi, Red. Dico davvero.
    E-Radio fu il primo periodo di tranquillità che ebbi in sorte, dopo anni di montagne russe personali e professionali.
    La stessa tragedia di Momo, nella sua oscena irragionevolezza, prese la forma di un fatto della vita, che accettai con la stessa consapevole serenità con cui i miei nonni subivano le carestie, le invasioni di cavallette dall’Africa e la malaria da curare con le punture di chinino: un frammento di un’esistenza che continuava a cercare un minimo di equilibrio tra saggezza e desiderio, nelle contaminazioni tra ciò che ero stato e ciò che mi trovavo ad essere.
    La compagnia di persone che avevano, in media, dieci anni meno di me mi regalò energie che non credevo più di avere, se mai le avevo possedute; come canta Bob Dylan, ero molto più vecchio allora, sono molto più giovane adesso. Ti piace Dylan, Red? Occhio e croce, direi che non è il tuo tipo, ma non si può mai sapere.
    Comunque, forse, non era una questione di età. Appoggiato alla consolle durante una pausa delle trasmissioni, ripensavo alle persone che avevo incontrato durante la “fuga”, e mi pareva di realizzare che la vera differenza (quella che, in altri tempi, avrei chiamato “plus” o “added value”) stava nella loro voglia di fare, di buttarsi, di provare, nel loro desiderio di essere, di tirarsi su, di farsi con le proprie mani e le proprie forze.
    Forse era tutto molto più semplice e molto più difficile di quanto mi fossi immaginato. Non c’era bisogno di alcun manuale, di un “La vita, istruzioni per l’uso”; potevo figurarmeli tutti (Kurt, Antonella, Charito, Gaspar, Momo) come i ciclisti di cui mi raccontava mio nonno, Binda, Guerra, e soprattutto il suo eroe Costante Girardengo: sudore e foto d’epoca, il sole caldissimo delle estati piemontesi, un’etica che non c’è più. Girardengo, che aprì una fabbrichetta di bici per tirare a campare una volta finita la carriera in sella, Girardengo che fece lavorare gli ospiti del carcere di Alessandria, per dare loro un bagaglio tecnico al momento dell’uscita. Gente vera, insomma, personalità in apparenza confuse e che però hanno un modo tutto personale di distinguere il bene dal male, il brutto dal bello. Bella gente, niente di più e niente di meno.