< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2012
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/10/2012

    Greetings from Las Vegas 2012 – Fake it till you make it

    Filed under: — JE6 @ 18:39

    Forse sto venendo a patti con Las Vegas. Non mi piace, il che significa che preferisco due o tre dozzine di altri posti al mondo; ma ho capito che possiamo convivere. E’ un posto finto, dicono tutti. Lo dicevo anch’io. Eppure, passando dalle ricostruzioni delle rue parigine a quelle delle piazze romane, dai canali veneziani ai laghi comaschi, dai ponti di Brooklyn ai leoni dell’MGM non si fa altro che muoversi da uno spettacolo all’altro. Vero (o falso) esattamente quanto quelli che vediamo in televisione, o al cinema. Passiamo il tempo a venerare il walk-and-talk sorkiniano e a rivedere Patrick Swayze far sbocciare il brutto anatroccolo, idolatriamo quelli che salgono il Mortirolo a venti all’ora e spendiamo soldi per guardare Daniel Craig che si aggiusta i polsini mentre sta per far esplodere una bomba termonucleare, e lo facciamo con giusta convinzione: pensando che quello che abbiamo davanti agli occhi sia il vero? Non scherziamo. Ieri pomeriggio l’albero parlante del Bellagio ha detto “Today I’m here to bring you a smile”, e quando abbiamo sentito quelle parole abbiamo sorriso tutti – tutti: era tutto vero, come erano, come sono vere tutte le cose che stanno qui, con tutta la malinconia che portano dentro di sé i giochi, quelli belli.