< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Distinguo
  • Magia
  • Lontano da dove
  • Ciò che siamo
  • Niente resterà impunito
  • Gli uni agli altri
  • Il giorno dopo Ferragosto
  • Tuta blu
  • Telefonami tra vent’anni
  • Pausa pranzo
  • November 2017
    M T W T F S S
    « Oct    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/11/2017

    Distinguo

    Filed under: — JE6 @ 21:09

    Del miliardo di cose che ho letto in questi ultimi giorni post-Weinstein in fondo me ne è rimasta una. Poco, ma sempre meglio di niente. Non ricordo chi l’ha scritta, so che quando l’ho letta ho pensato che non si smette mai di stupirsi perché quella donna mi era sempre sembrata assennata nella media – per quanto si possa giudicare l’assennatezza di qualcuno da quel che scrive su questo o quel socialino. C’era una premessa, una di quelle che suonano come “sì, avete ragione, tutto bello ma” e poi, dopo il ma, un lapidario “questo non è tempo per i distinguo”. Lo so, ci sono momenti nei quali funziona così: bianco o nero, giusto o sbagliato, con noi o contro di noi. Sono momenti dai quali normalmente non esce nulla di buono, ma questo non impedisce il ricascarci dentro in pieno. Sono anche i momenti nei quali non si passa dalla parte del torto pur avendo ragione, ma si perde un pezzo importante di sé stessi: c’è chi è capace di farlo, chi addirittura sceglie consapevolmente di farlo in nome di un qualche bene superiore. Mi fanno paura e anche un po’ orrore, ma forse hanno ragione loro. Forse. Chissà.