< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • July 2009
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/07/2009

    Il terzo uomo

    Filed under: — JE6 @ 15:54

    Non mi ricordo se da piccolo ho mai risposto “l’astronauta” a chi mi chiedeva cosa avrei voluto fare da grande. So però che crescendo sono sempre rimasto affascinato dal terzo uomo, da Mike Collins, dal pilota che rimase in orbita ad aspettare che Armstrong e Aldrin sbrigassero il loro compito, l’uomo che arrivò ad un passo dal “giant leap for mankind”, e che quel passo lo vide fare ad altri. Mi sono sempre chiesto se in lui era più forte l’invidia per i due colleghi o l’orgoglio per essere il terzo e comunque indispensabile elemento dell’ingranaggio, se la tristezza di non aver potuto camminare sulla Luna era più che compensata dall’enorme e incredula soddisfazione dell’essere lì dove nessun altro era mai stato. A suo modo, Collins è stato un eroe – e forse continua ad esserlo: e non credo di essere l’unico che avrebbe comunque fatto mille volte cambio con lui.
    Rimbalzi (thanks to LaPupa)

    3 Responses to “Il terzo uomo”

    1. scrittoingrassetto Says:

      Penso basti l’essere parte dell’impresa. Almeno per me.

    2. Camillo Says:

      Se vedesse in quale palazzetto di buona borghesia di via Tevere (Roma) è nato Collins, converrebbe che probabilmente si sia pubblicamente accontentato, ma in segreto abbia sempre sperato in un qualche malanno che tratteneesse Aldrin a terra. Non Armstrong che era un predestinato.

    3. S. Says:

      A me pare molto il Paperino della situazione. Anzi, più Wile E. Coyote.

      L’unica sua speranza era quella che il LEM non si rialzasse più e lui tornasse da solo. In quel caso sarebbe stato l’essere umano più vicino alla Luna in grado di poterlo raccontare, invece sono tornati anche gli altri due con racconti certamente più emozionanti.

    Leave a Reply