< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • March 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/03/2010

    Lo spreco

    Filed under: — JE6 @ 20:25

    La coppia entra nel negozio con il passo di chi non ha fretta, e sta riempiendo un’ora di tempo ricavato chissà come tra chissà quali impegni. Lui guarda le cravatte divise per colore, le fa scorrere tra le dita come un arpista che accarezza le corde, cercando un punto di blu che non troverà e che probabilmente non gli interessa trovare. Lei chiede alla commessa se hanno un certo paio di stivali di un certo colore, e si fa accompagnare al piano superiore. Al secondo scalino volta lo sguardo verso l’uomo e gli chiede “Vieni su?”. Lui fa un mezzo sorriso e non risponde. Qualche minuto dopo slaccia i tre bottoni del cappotto e sale. La commessa sta facendo provare alla donna il terzo paio di stivali, e questo sembra essere quello giusto. La donna sorride felice, lo guarda e gli chiede “Li compriamo?”; lui, senza cambiare espressione mentre trova nella memoria quel vecchissimo soprannome, le risponde “Stellina, sono tuoi, li compri tu”. Lei per un secondo sembra rimanerci male, poi sorride ancora, dice alla commessa che gli stivali vanno bene. La commessa li guarda e chiede, senza alcun motivo “Siete fidanzati?”. Lui non risponde, lei fa un sorriso imbarazzato e dice “No, siamo solo molto amici”. Scendono la scala, lui saluta ed esce a fumare una sigaretta sul marciapiede mentre aspetta che lei paghi. Quando lo raggiunge si incamminano verso il centro della grande città, straniera a entrambi. Senza guardarla lui le chiede “Perché non hai detto che sono tuo fratello?”. Lei, senza guardarlo, risponde “Perché è un tale spreco”.