< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • A vent’anni si è stupidi davvero
  • Qualche cosa che ho imparato scrivendo un libr(ett)o
  • January 2013
    M T W T F S S
    « Dec   Feb »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/01/2013

    Some day

    Filed under: — JE6 @ 15:04

    Ditemi che a volte succede anche a voi, di stare sul divano a leggere e intanto avere un dvd che va in sottofondo e a un certo punto sentire qualcosa che non è più un suono vago e indistinto, alzare la testa, ascoltare Bruce Springsteen che canta We Shall Overcome e poi – anni Trenta, polvere, Steinbeck, camion che arrancano*, la crisi che non finisce mai, il dare fondo a ogni energia che si ha in corpo e in testa, pure quelle che non si sapeva di avere – trovarsi lì, con i lucciconi, a provare a cantarla e non riuscirci.

    * Lo so, invece sono i tardi anni Quaranta, sono gli scioperi dell’American Tobacco Company, e poi i Sessanta e Joan Baez. Però chissenefrega, sai.

    Leave a Reply