< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • November 2013
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/11/2013

    Concessione scaduta

    Filed under: — JE6 @ 18:42

    Ci sono poche cose che mi fanno tanta tristezza quanto gli adesivi arancioni che il comune di Milano attacca sulle lapidi degli ossari dimenticati, quelli che chiedono di presentarsi urgentemente agli uffici competenti perché la concessione è scaduta – mi immagino nipoti ignari, emigrazioni, famiglie che non hanno più avuto la forza, la voglia, il tempo, la possibilità di riprodursi. Non sono i morti abbandonati a farmi compassione; sono i vivi, quelli che chissà che fine hanno fatto.
    (Poi invece i viali sono pieni, c’è il sole, e con lui migliaia di persone come me, gente che magari qui, in questo cimitero così grande da poterlo attraversare in autobus, non hanno un parente di sangue ma decine di pezzi di puzzle, gente che gira con la mappa dei campi, gente che i campi invece li sa a memoria, gente che si fa forza perché a volte piangere fa bene)