< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download

    Greetings from (pdf)
    My Own Private Milano (pdf)
    On The Blog (pdf)
    Cinque birilli (pdf)

    Post sotto l'Albero
    ---------------------------
    2003
    2004
    2005
    2006
    2007
    2008
    2009
    2009 (ePub)
    2009 (mobi)
    2010
    2010 (iPad)
    2010 (ePub)
    2010 (mobi)
    2010 (mobi indexed)

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • In serie
  • Così, per dire
  • La pelle dell’orso
  • Che bello
  • Ma ti ricordi
  • Ciao come stai
  • Em(mah)
  • Esser morti da sempre anche se possono respirare
  • Santificare le feste
  • Unisci i puntini (da San Patrignano a Slane Castle, via Madre Teresa)
  • La sottile linea rossa
  • Cinque vasi e uno sgabello
  • You cannot be serious
  • Da fuori
  • Tornare in paese
  • Vivere raccontandola
  • Giusto è ciò che giova al più forte
  • Sfasciacarrozze
  • Tu chiamami se vuoi Marco T.
  • Quarantasette
  • Lavorare stanca
  • Una questione di tempo, di tempi
  • Greetings from Ljubljana 2014 – Prima della tempesta
  • Dacci oggi il nostro pane quotidiano
  • Il mercatino delle rose
  • But I like it (quattro amici al bar)
  • Distillato
  • O forse sono solo i troppi cocktail
  • Il Canal Grande, quello vero
  • Con un braccio da airone
  • La consunzione delle cose
  • Adesso vai
  • “Comunque tutta st’emozione per essere diventati democristiani”
  • Vous etes ici
  • Più reale di noi
  • Un giorno
  • Tempo perso
  • Io ci sono
  • La gomma
  • Goodbye Luis
  • October 2014
    M T W T F S S
    « Sep    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/11/2003

    Filed under: — Sir Squonk @ 13:19

    Dell’aggregazione e dell’inutilità
    Negli ultimi tempi, provo un certo imbarazzo ad aggregare i miei post su Blog Aggregator.
    La cosa non ha nulla a che fare con lo strumento, che uso tutti i giorni da utente-lettore. Mi piace, lo trovo utile, eccetera.
    E’ che, dai e dai, continuo ad avere la sensazione che ho descritto qui: e che si può forse esprimere con la parola inutilità, non disgiunta da una certa pretenziosità.
    E adesso, per vedere l’effetto che fa, vado ad aggregare chez GGG.

    D. (…) ma mi dica la verità: quando aggrega un suo post sul BA, non prova un (sottile, sottilissimo) senso di… vergogna? Come se fosse un dire, a voce alta e sventolando una mano, “oh, ho scritto una cosa che MERITA di esser letta”?
    R. Non posso negarlo. Ma la stessa domanda se la pone anche chi apre un blog, e chi lo aggiorna, ogni volta che lo fa.
    L’aggregazione è solo una gradazione maggiore dell’identica tracotanza.

    14 Responses to “”

    1. Effe Says:

      Inutili di tutto il mondo, aggregatevi!

    2. Squonk Says:

      Ma perchè lei non mi prende mai sul serio (il che non è poi una brutta cosa, anzi conferma il contenuto del post)?

    3. Effe Says:

      E’ questione di ruoli. E di mansioni. Io non sono pagato per dire cose serie

    4. utente anonimo Says:

      idem come il padre dei miei figli ideali.

    5. jorma Says:

      Il padre e’ ideale o i figli?

    6. Squonk Says:

      A quanto mi consta, i figli.

    7. Effe Says:

      Gli ideali so’ piezz’ e core

    8. tt Says:

      quasi quasi apro un blog muto. così, per andare in controtendenza.

    9. Squonk Says:

      Idea interessante, il vuoto pneumatico.

    10. AdRiX Says:

      Ehi, con tracotanza e prosopopea vi ricordo che l’autentico blogger inutile sono io!

    11. Effe Says:

      Quel ch’è giusto è giusto è giusto

    12. Squonk Says:

      Sì, fate gli spiritosi. Don Granieri, invece, ci imbastisce sopra il suo classico post teorico-pratico. Andate a leggerlo, via!

    13. corbellerie Says:

      io no so mai in che categoria metterli . inutili ma divertenti? mmmm divertenti, non saprei, inutili son sicuro, anche il sig. G poteva agevolarci, mettere solo inutili, per esempio

    14. Effe Says:

      Mah. In qualche modo, ho risposto da me. Con le parole di un altro, che si fa meno fatica

    Leave a Reply