< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • July 2003
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/07/2003

    Filed under: — JE6 @ 11:18

    Di padri e figli (ciao Luca)
    Luca Sofri è del Sessantaquattro, il blog-manager di Squonk è del Sessantasei.
    Il padre di Luca Sofri compirà sessantun anni il prossimo primo agosto (auguri Adriano), il padre del blog-manager di Squonk ne farà settantaquattro verso la fine di gennaio.
    Luca Sofri è un giornalista e blogger, il blog-manager di Squonk è un “marketer” e blogger.
    Il padre di Luca Sofri, negli anni Settanta, era un politico (sebbene di tipo non canonico), ed oggi è un carcerato, un opinionista ed anche un punto di riferimento intellettuale per tante persone. Il padre del blog-manager di Squonk, negli anni Settanta, era un carabiniere che faceva servizio di ordine pubblico in occasione (anche) delle manifestazioni organizzate dal padre di Luca Sofri, ed oggi è un tranquillo pensionato che si trova sulla nave che lo sta portando in Sardegna.
    Il padre e la madre di Luca Sofri, sul finire degli anni Sessanta, si sono separati. Il padre e la madre del blog-manager di Squonk sono ancora marito e moglie, dopo quarantatre anni.
    Luca Sofri ed il blog-manager di Squonk non sembrano avere molti punti in comune, a parte l’essere tenutari di un blog.
    Eppure, a leggere ciò che Luca Sofri ed il blog-manager di Squonk scrivono dei loro rispettivi padri e delle loro storie familiari – anch’esse tanto diverse – sono più simili di quanto sembri. Pare banale. Pare.

    11 Responses to “”

    1. Siddhartha Says:

      A me è piaciuto tantissimo. No, non è così che voglio esprimermi. A me è dispiaciuto tantissimo, ecco.

    2. Shangri-La Says:

      chissa’ se esiste un destino o se siamo tutti portati in giro da un vento dispettoso .. vero’ e’ le nostre vite sono intrecciate .. piu’ di quanto riusciamo a vedere seduti sul nostro ramo ..

    3. blackcat Says:

      Così vicini, così lontani. Ho pensato la stessa cosa, Squonk. Il pezzo di Sofri è semplicemente bellissimo, così come i tuoi, in tema.

    4. Squonk Says:

      Vi invidio…

    5. blackcat Says:

      E perchè mai? Ha a che fare con il tuo post di qualche giorno fa?

    6. utente anonimo Says:

      Invidio la vostra stima che perdura con il tempo, la delusione che non avete ricevuto e per cui purtroppo si va a perdere gran parte di ciò che si è ricevuto nella crescita con gli ultimi anni sbagliati di una vita. Si, tutto si riconduce più o meno al mio post sul ricordo che tento di preservare bello. Ma facendo i conti con la realtà so che non può essere così. Pazienza.

    7. utente anonimo Says:

      Luca sofri ha scritto un pezzo con tutto ciò che ha. La testa, il cuore e anche qualcos’altro. Una sorpresa assoluta. Colpa mia… colpa mia.

    8. utente anonimo Says:

      Bellissimo il pezzo di L.Sofri, bellissimo il tuo parallelismo. Complimenti, Manuele

    9. Aste.Risco Says:

      Altro che banale! Il tuo post è nella sua semplicità profondo da morire!
      Complimenti!

    10. enzzz Says:

      L’espressione “da morire” porta una sfiga tremenda…

      *

    11. Anonymous Says:

      Mio padre in quei tempi era metalmeccanico, indeciso tra PCI e formazioni come Lotta Continua. Anch’io di quell’epoca ho ricordi “da bambino”, e mi avanza quello dei carabinieri affiancati dai fascisti per fare “servizio d’ordine” durante le manifestazioni. Ovvio che a me rimane un imprinting di paura pensando agli uomini in divisa.
      Qualcosa non funzionava, sono d’accordo.

    Leave a Reply