< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • November 2003
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/11/2003

    Filed under: — JE6 @ 13:13

    Dall’Azione all’Ammuina
    Per la costruzione di un’alternativa decente, moderata, attenta al feed prima che al food (gina o nanda purchè c’è banda).
    Munitevi di vocabolario, quando bussate alla porta di Gonio

    13 Responses to “”

    1. utente anonimo Says:

      E di mooooolto tempo a disposizione…

    2. marquant Says:

      Stia zitto lei, buonsensista. [I tempi sono maturi per una sana polemica interna alla Scuola.]

    3. riccionascosto Says:

      Ma che fa, sir Squonk? Auspica la nascita della concorrenza?

    4. Squonk Says:

      Cara Riccio, mi chiarisca: di quale concorrenza parliamo? Quanto a Lei, Lord Marquant: la definiscono musageticamente lucido, e si è detto tutto. La esorterei a non polemizzare indebolendo le posizioni della scuola, bensì a stringersi a coorte serrando i ranghi. Sventoli il verde fazzoletto padano e venga più vicino, chè fa freddo.

    5. utente anonimo Says:

      Fatto, con l’ausilio di supporti tutto è stato più semplice: italiano-blogghese -storia del blog: dalle radici alla fase tardo rinascimental/rovinosa – giornalismo e blog implicazioni dannose –

    6. marquant Says:

      My dear, le mie origini meridionali mi impongono un uso creativo del suo fazzoletto verde. Non potremmo scegliere un altro vessillo? Non so, una rosa.

    7. Achille Says:

      Dal blog all’e-mail. Ritorno al futuro. Se volete parlare con me, scrivetemi. (Save the last flame for me, Drifters, primi anni 60)

    8. ilTigro Says:

      Caro Marquant, che ne dice di usare il verde fazzoletto per riuscire nell’ardita impresa che portò via così tanto tempo al buon Gargantua? (Gargantua decise poi che la cosa migliore erano le penne d’oca, perchè tanto morbide da non irritargli il deretano… ma il Bossi ancora non aveva messo in commercio i fazzoletti…) Si ricorda? Il brano è spesso citato anche dal buon Fo.
      Per quanto riguarda Sir Squonk, se si tratta solo di stare più vicini a tenersi caldo,non mi tiro certo indietro…

    9. Squonk Says:

      Cara Tigro, non metta a così dura prova la mia moralità, la prego.

    10. riccionascosto Says:

      Sir Squonk, scusi il ritardo nella risposta… a me è sembrato di capire che l’alternativa “decente, moderata etc” fosse ALLA “scuola milanese”, e non LA “scuola milanese”. Dice che ho dimenticato il vocabolario? Me ne munisco e torno a leggere “di là“.

    11. Squonk Says:

      Riccio, se lei riesce a capire qualcosa, faccia sapere. Grazie.

    12. riccionascosto Says:

      Dimenticavo… quanto al “tenersi caldi”, porterei alla sua attenzione questa “favola” di Schopenhauer, che racconta di miei lontani parenti:

      Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono le spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro.
      Quando poi il bisogno di riscaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripetè quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro fra due mali, finchè non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione.

      Decida lei qual’è la sua “migliore posizione” tra la dottoressa Tigro e il rastrello del bimbo Jorma.

    13. Effe Says:

      Apocrifo d’un uomo! (quello là, ben inteso)

    Leave a Reply