< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • January 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/01/2004

    Confessioni di una finta blogstar

    Filed under: — JE6 @ 10:16

    La miglior definizione di blogstar continua ad essere quella data da Simona: chi dà luce alla blogosfera tutta.
    Niente questioni di quantità, perchè – come ognuno sa – la luce la prendiamo da una candela come da una lampadina da 300 watt.
    Credo, comunque, che questa non sia ancora l’opinione maggioritaria tra blogger e blog-lettori. Blogstar, per molti, è colui o colei che vanta accessi, che è noto, popolare, il cui nome assurge al rango di brand. Il marketer che è in me non prova repulsione per questo comune sentire, anzi. E perciò: cari voi che ogni tanto (non troppo spesso, per la verità) mi date della blogstar senza con questo volermi prendere in giro, sappiate che da queste parti bazzicano ottanta-novanta persone al giorno. Tante, per me, ma certo poche rispetto ad un più comune metro di misura. E quindi, consideratemi semplicemente una candelina, una di quelle da cenetta, oppure da torta di compleanno.
    Un soffio, e via.
    Me, I’m just a candle: you can tell me by the way I burn.