< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • October 2011
    M T W T F S S
    « Sep   Nov »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/10/2011

    Greetings from Boston – North End

    Filed under: — JE6 @ 13:21

    Mi fermo a leggere la targa che commemora i caduti in guerra del North End – che è come se a Roma ce ne fosse una che ricorda quelli di San Giovanni, o a Milano una in memoria di quelli del Vigentino; perché North End è una zona, un quartiere, una parte della città. Comunque. Sono tutti nomi italiani, tutti tranne un paio. Già, perché questo era, e sembra essere ancora, il quartiere degli italiani. Mi piace che non l’abbiano chiamato Little Italy anche se sarà tre volte più grande di quella ormai rinsecchita di New York. E’ una zona molto bella, e bisogna sforzarsi per convincersi di essere negli Stati Uniti. North Square la potresti trovare nelle Marche, o in Umbria, con la sua chiesa del Sacro Cuore e gli alberi mediterranei e l’acciottolato chiaro e sconnesso. Però. Tutte le Little Italy che ho visto – Mulberry Street a New York, Old Town a San Diego, Columbus Avenue a San Francisco – si assomigliano tutte. Chiese e ristoranti, chiese edificate dagli emigrati dove pregare il proprio Dio, lo stesso degli irlandesi e dei polacchi, eppure venerato col marmo di Carrara, ristoranti, quelli dove “taste the typical Italian cuisine” e chissenefrega se in una carta di “contemporary Sardinian food” trovi la pasta alla Norma e le lasagne alla bolognese. Dio e cibo, dappertutto, come se i soli segni esteriori che abbiamo lasciato in una nazione nella quale siamo arrivati a milioni fossero le conferme degli stereotipi sul nostro conto (è che forse gli stereotipi sono come i luoghi comuni nella lingua, concetti banali e ritriti perché ripetuti un milione di volte, ripetuti un milione di volte perché, in fondo, veri). Continuo su Hanover Street, arrivo fino all’Holocaust Memorial. Nello spazio dedicato a Auschwitz-Birkenau trovo un passo di Primo Levi e, non so bene perché, me ne sento orgoglioso, penso “ecco, vedi, ci siamo anche noi, e questa non è pizza, non è mafia, non è segno della croce, non è mandolino”.

    Greetings from Boston – United We Stand

    Filed under: — JE6 @ 13:20

    Scendo dalla metro a Stony Brook, e guardo il macchinista che sporge la testa dal finestrino in attesa di un qualche segnale. Proprio sotto il suo gomito c’è un grosso adesivo, la bandiera con le cinquanta stelle e una scritta, United We Stand.
    Torno in albergo, davanti all’ingresso del Polish American Citizen Center è parcheggiato un grosso furgone di U-Haul, che sulla fiancata ha quella scritta, a caratteri grandi, che coprono un quarto dello spazio verso la coda, United We Stand. Basta guardarsi un po’ in giro per trovarla cento altre volte. Certo, molte meno di sette, otto, dieci anni fa. Ma comunque tante. Danno l’idea di crederci, di credere che uniti si tiene botta – che è qualcosa di diverso da “l’unione fa la forza”, io non sono un linguista ma mi pare che in fondo il senso sia quello, non è questione di essere forti per imporsi, è starsi vicini che non si viene spazzati via, che si mantiene dignità, che si resta in piedi. Danno l’idea di crederci, poi chissà se è vero, a me hanno insegnato che convincersi delle cose a volte serve a farle succedere – ma forse queste sono cose da telefilm. Americano.