< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • May 2013
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/05/2013

    Nel parcheggio

    Filed under: — JE6 @ 21:09

    Fa freddo nella notte di una primavera mai arrivata. Dentro il locale quattro uomini stanno bevendo l’ultimo sorso di limoncello in attesa del conto. Fuori, nel parcheggio, ci sono tre macchine, molti alberi, un altro uomo che sta fermo, in piedi, con le mani schiacciate nelle tasche dei jeans e il silenzio di una zona industriale venato dal ronzio vicino di un impianto. Sembra il respiro di un animale ammalato, quel suono, e tiene dentro cento libri e mille film che l’uomo ricorda mentre l’aria gli muove i lembi della giacca troppo leggera. Aspetta che da dietro gli alberi esca qualcuno, o qualcosa. Resta così per qualche lunghissimo minuto, senza pensieri, senza parole, in un vuoto pneumatico che pare eterno. I quattro uomini escono dal locale. Ridono. Uno aziona il telecomando, le portiere si aprono con uno scatto secco. Andiamo, è tardi, abbiamo ancora un’ora di strada da fare.

    Leave a Reply