< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • September 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/09/2004

    Che bello, due amici, una chitarra e uno spinello

    Filed under: — JE6 @ 09:06

    Ma ci sono ancora le compagnie che si trovano in spiaggia, accendono un falò, tirano fuori una chitarra e cantano (prima di fare altro, ça va sans dire)?
    E se sì, quali sono le playlist? Franz Ferdinand e Maroon 5?

    4 Responses to “Che bello, due amici, una chitarra e uno spinello”

    1. marco Says:

      Vondelpark in Amsterdam (non spiaggia ma parco) e’ uno dei posti in cui per alcune cose il tempo e’ rimasto indietro di qualche lustro.
      Ricordo ancora la sorpresa quest’estate a sentire un ragazzo di vent’anni o giu’ di li, jeans e torso nudo, seduto sull’erba (quella verde) a cantare a squarciagola Comfortably Numb accompagnandosi con una chitarrina.

    2. Gilgamesh Says:

      Baglioni e Battisti tirano ancora molto, Sir, anche se pare che i giovani strimpellatori oggi apprendano principalmente gli accordi della canzoni di Tiziano Ferro, ahimè.
      I più raffinati conoscono qualche pezzo degli Oasis e dei R.E.M., e talvolta tirano fuori dal cilindro perfino vecchi classici come gli Eagles, gli America e i Led Zeppelin. Ma sempre più di rado. D’altronde le richieste del pubblico sono spesso “Paola & Chiara” o “DJ Francesco” (sic)

      Comunque, si, benchè quest’estate abbian provato a vietarli con apposite ordinanze, i falò ferragostani ancora si usano.

    3. Lizaveta Says:

      Qui di spiaggia ne ho molta, ma i figlioli son ancora giovani per avere una salda playlist
      (devo andare a spulciare in quelle del mio grande, ma so che mi farebbero effetto, meglio di no)

    4. andrea Says:

      da Noi ad Eraclea Mare in provincia di Venezia, i falò sono di rito. i pezzi che vanno di più sono di Vasco, Ligabue, qualcosa di straniero molto conosciuto giusto per coinvolgere tutti. Bob Markey con No Woman No Cry resterà sempe la canzone di apertura e chiusura. ciaoo

    Leave a Reply