< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • November 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/11/2005

    Mi concede un lento?

    Filed under: — JE6 @ 11:48

    Ieri sera pensavo alle tonnellate di articoli scritti negli ultimi anni, quelli che facevano l’elogio della lentezza (avete presente, una versione aggiornata e patinatamente acculturata del carosello del Cynar, contro il logorio della vita moderna) e che inneggiavano alla necessità di un nuovo stile di vita, meno frenetico e più consono alle reali esigenze di noi poveri umani occidentali.
    E mi chiedevo, ma possibile che tra i dieci milioni di persone che hanno guardato Rockpolitik, e tra i diecimila dottimediciesapienti che hanno commentato il programma su giornaliradioetv, non ci sia uno – uno solo – che abbia obiettato “Adria’, ma che cazzo stai dicendo?

    Ah, per inciso. Di tutte le quattro puntate, ho visto solo i cinque minuti finali della Guzzanti. Mi è sembrata un po’, come dire, lenta.