< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • February 2009
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    232425262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/02/2009

    E invece di andare alle elementari, sono pronto per la pensione

    Filed under: — JE6 @ 00:01

    … e quando aveva detto una cosa, finiva: “se sbaglio, correggimi”. Fu così che cominciai a capire che non si parla solamente per parlare, per dire “ho fatto questo” “ho fatto quello” “ho mangiato e bevuto” ma si parla per farsi un’idea, per capire come va questo mondo.

    Oggi questo blog compie sei anni. Ogni tanto penso che il tempo, da queste parti, abbia un significato ed un peso diverso, un po’ come capita agli animali – un anno di un umano ne vale sette di un cane, dicono. Ecco, sei anni sembrano tantissimi, forse addirittura troppi; in sei anni si sono succedute due, tre, quattro generazioni di gente che si è messa a scrivere in rete e ogni tanto ho la sensazione di essere rimasto – più o meno volontariamente – tagliato fuori da tanti cambiamenti. Quando ho ritrovato in una vecchia agenda questa frase che credo sia stata scritta da Cesare Pavese mi sono detto che questo è, in fondo, ancora il motivo per cui scrivo, e leggo, e che è un motivo ancora abbastanza valido per continuare.