< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • February 2009
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    232425262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/02/2009

    Ignorare il dubbio

    Filed under: — JE6 @ 12:00

    Ho iniziato a leggere il libro di Beppino Englaro qualche giorno prima che la figlia venisse trasferita a Udine per quelli che potrebbero essere i suoi ultimi giorni. Continuo a rimanere ammirato dalla volontà tenace con cui quest’uomo (e sua moglie, immagino: una donna che ho letto essere malata, che è sempre stata lontana dai riflettori e che però – immagino ancora – c’è sempre stata, forse persino più forte e dura del marito) combatte, discute, si confronta con la ragione, sulla ragione e per la ragione. Dovesse capitare a me una tragedia come la sua, non so davvero se sarei capace di andare avanti per una vita lottando in pubblico e ritrovando ogni sera l’abisso del dolore in privato. Beppino Englaro, lo ammetto, mi fa quasi paura. Sono a metà del libro, e le concessioni che ho trovato a quell’italianissima forma di umanità che spesso porta a sconfinare nel patetico, che pure chiunque giustificherebbe, sono rare al punto da suonare stonate: Eluana, “da viva” era perfetta, matura, bella, sensibile, forte, coraggiosa – aggiungete voi gli aggettivi che vi vengono in mente. Ecco, questo a me pare troppo, ma è evidente che non è questo ciò che conta, a meno di non volersi far venire in mente il dubbio maligno e carogna che la volontà della ragazza fosse meno granitica di quanto racconta il padre. Lo ammetto, è un dubbio che mi ha sfiorato, ma che ho scartato – sia perchè respinto dalle tante testimonianze convergenti al riguardo, sia perchè in fondo, credo, irrilevante per il merito di ciò che si discute, di ciò che questa vicenda mette sul tavolo per tutti noi. Spero che la terra possa essere lieve per Eluana Englaro, spero che la vecchiaia possa essere meno dolorosa del presente per i suoi genitori, spero che anche noi potremo guadagnare qualcosa da una tragedia altrui, eppure nostra.