< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • May 2009
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/05/2009

    Greetings from Madrid ’09 – Al sole

    Filed under: — JE6 @ 17:13

    C’è il sole, a Madrid. Ma non è solo quello, è il cielo azzurro, il caldo secco, i riflessi nelle vetrate di Campo de las Naciones; o forse l’estate che arriva, non so. Insomma, siamo tutti qui con gli occhi cerchiati dal troppo bere della sera prima e quando arriva il momento del coffee break facciamo il nostro circolino, e un po’ cfacciamo quattro chiacchiere, un po’ ce ne stiamo in silenzio a goderci questa specie di vacanza inframmezzata di telefonate e mail e ordini presi e trattative andate a monte. Marta, che con due figlie è sempre più bella e nessuno si spiega come ci riesce, ci guarda e fa “You guys, can you remember the first time we met?” e sono sette, otto, dieci anni. Alastair guarda me e Jorgen con gli occhiali da sole e ride – ready for the speeches, uh? -, chiediamo a Stephan come sta Tina, se la prossima volta ci sarà anche lei, e insomma siamo una piccola compagnia di giro, Marta mi presenta ad una collega e le dice “He’s a client, a supplier, and he’s a long time friend” e in fondo in queste poche parole c’è ciò che siamo diventati nel tempo, quelli che è bello rivedere oggi a Madrid, tra un mese a Norimberga, a ottobre a San Diego, seduti sugli scalini di una fiera a prendere il sole come lucertole.