< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2013
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/07/2013

    Capirla male

    Filed under: — JE6 @ 09:42

    In questi giorni ho spesso a che fare, per lavoro, con una persona.  Io le parlo, e lei non capisce. O, per essere più preciso, capisce altro. E’ capitato quando ci siamo visti per la prima volta, in un’altra città; e poi per telefono, e via mail. Non è stupida, e io credo di aver maturato nel tempo quel minimo sindacale di capacità di dire ciò che intendo; eppure. E’ tutto un “sì, ma”. E’ tutto un chiudere la comunicazione e restare in uno stato di spaesamento: ripercorro i vari passi, cos’ho detto io, cos’ha risposto lei, senza mai trovare una risposta sensata, un finale diverso da “ma questo/a è matto/a” (perché sono certo che lei pensa altrettanto di me). Il fatto che parliamo di lavoro non è un dettaglio, lo so: abbiamo interessi da difendere, lei compra e io vendo, e dietro ci stanno non solo soldi, ma altre persone, e obiettivi, e capi ai quali riportare, e più in là nella catena vacanze serene e mutui da pagare. E però non è solo quello. Capita – e mi pare che avvenga sempre più spesso, più in generale nella vita – che dici una cosa e ne viene capita un’altra, una versione dadaista della Torre di Babele (ma lì almeno avevano la giustificazione delle lingue diverse). E’ frustrante e sfiancante, e a me ogni tanto fa passare la voglia di tenere contatti umani. Il fatto è che ha ragione Philip Roth, il fatto è che “capire la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e poi male e, dopo un attento riesame, ancora male”. Il fatto è quello.