< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • August 2013
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/08/2013

    Così capisci

    Filed under: — JE6 @ 18:37

    Il fatto è che dopo tanti anni non ho ancora imparato a parlare al telefono. In realtà non è vero, sapevo farlo bene, per un anno mi ci sono guadagnato da vivere facendo sollecito crediti, signora lei è indietro di tre rate. Forse a fare quel lavoro per tredici mesi sette ore al giorno cinque giorni su sette o quasi mi è venuta la nausea, chissà. Comunque, la gente che lo sa fare, la riconosci, la vedi, la senti subito: è una questione di ritmo, di tono, di sicurezza. Le cose da dire sono il meno, quello che conta è il come, è il padroneggiare lo strumento, dominarlo, farlo diventare una cosa propria. Io invece sto lì, parla più forte che non ti sento, e mi perdo a pensare che faccia sta facendo la persona dall’altra parte, e intanto cammino, giro in tondo, guardo fuori dalla finestra, e nove volte su dieci prima di tornare alla scrivania dico va bene, adesso ti mando una mail, così capisci bene.

    [Oggi ho fatto quattro conference call. Centocinquanta minuti. E’ stata una giornata difficile, insomma]