< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • August 2013
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/08/2013

    Con gli occhi aperti nella notte scura

    Filed under: — JE6 @ 13:00

    Il ragazzo sta seduto nella sera che arriva. Appoggia le mani sul marmo bianchissimo e rugoso e guarda le statue, e i pini marittimi alle loro spalle e il colle che sale scuro. La ragazza arriva, e gli si siede a fianco. Non sei di qui, gli dice. Lui pare svegliarsi da un sonno, o da un sogno, o da un pensiero lontano e la guarda con un’espressione stanca e stranita. Non sei di qui, ripete lei. No, non sono di qui, Lo sapevo, E come facevi a saperlo chiede lui tornando a fissare i muscoli di marmo che puntano verso il cielo. Il modo in cui guardi questo posto, E che modo è, Un modo che hanno solo i forestieri, i turisti, quelli che girano per lavoro. Credo di essere tutte e tre queste cose, dice lui. Lo immaginavo, risponde lei. Per un po’ rimangono in silenzio. Cosa vedi, chiede lei. Qualcosa che non vedi tu, mi pare di capire, Penso di sì, è per quello che te lo chiedo, Vedo della bellezza, immagina una pallina, immagina di lanciarla verso il cielo e poi di seguirla con lo sguardo fino al punto più alto quando poi inizia a scendere, e in quel momento vedi il cielo scuro e la sfera gialla e il verde degli alberi e il bianco del marmo tutto insieme, tutto fermo come in una fotografia, Non ci ho mai pensato, Puoi provarci. Restano ancora in silenzio. Dopo un po’ lui appoggia le mani sulle ginocchia, fa leva e si alza lentamente. Vai via, chiede lei, sì, vado, E dove, Non lo so, non conosco questi posti, andrò un po’ a caso, Posso venire con te, Se vuoi sì, ma non capisco perché, Non lo so nemmeno io, magari mi fai guardare insieme a te.