< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download

    Greetings from (pdf)
    My Own Private Milano (pdf)
    On The Blog (pdf)
    Cinque birilli (pdf)

    Post sotto l'Albero
    ---------------------------
    2003
    2004
    2005
    2006
    2007
    2008
    2009
    2009 (ePub)
    2009 (mobi)
    2010
    2010 (iPad)
    2010 (ePub)
    2010 (mobi)
    2010 (mobi indexed)

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Vivere per raccontarla
  • Come in un duello
  • Bene, grazie
  • Con ‘sto caldo
  • Bioritmi
  • Per una settimana
  • Contrappassi
  • E ognuno in fondo perso dentro i fatti suoi
  • Squadra Rialzo Milano Centrale
  • In fondo alla navata
  • Un’altra vita, una vita fa
  • Sometimes
  • La musica di N.
  • Greetings from London 2014 – Senza foto, vicino allo stadio
  • Greetings from London 2014 – Vetrine
  • Greetings from London 2014 – Harmlessly passing your time in the grassland away
  • Le vetrine di Detroit
  • Per interposta persona
  • Le voci di dentro
  • De Lapalisse reloaded
  • Uno di noi
  • M.
  • Dimmi com’era
  • Tutto ciò che serve
  • Giorno di festa
  • Let it snow
  • Nascosto in bella vista sotto gli occhi
  • Marmellata #82
  • Charlie e Keith
  • Puzzle
  • A Milano c’era il mare
  • Tenendoci stretti, tenendoci dritti che così si fa
  • Davanti agli occhi
  • Bamboo
  • Broncio
  • Con un mazzo di rose, davanti ai Bagni Tina
  • Piccolo e biondo
  • Qui, Quo, Qua
  • Stories of the Bund – Judy
  • Stories of the Bund – In fila per sei
  • April 2014
    M T W T F S S
    « Mar    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/6/2003

    Filed under: — Sir Squonk @ 15:39

    Scabrose rivelazioni
    Il blog-manager di Squonk, in vita sua, non ha guardato neanche cinque minuti di Sex and the City.
    [Aggiornamento: a quanto pare, non è l'unico]

    18 Responses to “”

    1. webbina Says:

      nemmeno io!!

    2. Effe Says:

      Scandalo! Su che rete è?

    3. Squonk Says:

      Chieda a Guia Soncini, collega.

    4. Effe Says:

      Troppo adulata. Ne sono allergico. Ne rifuggo addirittura il nome.

    5. AdRiX Says:

      Non ti sei perso niente. Immagina un gruppetto di fatue galline “liberate” che cercano l’uomo della loro vita dandola a destra e a manca, beneficiari degli individui che definire cazzoni e’ un complimento, e poi si lamentano perche’ sono infelici. Inguardabile.

    6. utente anonimo Says:

      uh! questi giovani d’oggi … ai miei tempi al massimo era consentito un baciamano al terzo incontro. Gradite un po’ di tisana fresca?

    7. Effe Says:

      Beh, no, un momento, se in questo programma è possibile, per così dire, fare delle conoscenze, ma perché allora, benedettiddio, tutti questi pregiudizi, Sir?
      A che ora ha detto che lo trasmettono?

    8. Squonk Says:

      Nessun pregiudizio, egregio. Non potrei, non avendo frequentazione diretta. Per maggiori e più dettagliate informazioni, chieda al Dottor AdRiX.

    9. Effe Says:

      No, vabbé, alla mia età… Io son di quelli che, prima del telegiornale, guardavano l’Almanacco del Giorno Dopo, non so se mi spiego…

    10. spiritum Says:

      Ne approfitto per esternare una mia personale vergogna: dei telefilm che vanno per la maggiore (nelle varie classifiche e listone) ne ho visti uno o due al massimo (mai quello citato da Squonk). E’ grave?

    11. AdRiX Says:

      io veleggio sui pochissimi…. simpson, southpark, futurama, e.r., dharma & greg. dopodichè niente. e su 5, 3 sono cartoni!

    12. utente anonimo Says:

      Dottori Effe, Squonk, Spiritum: è per questo che vi amo.

    13. Zu Says:

      Le serie televisive che ricordo di avere seguito in vita mia sono:

      (da piccino) Gianni e il magico Alverman, Zorro, Arsenio Lupin, Attenti a quei due;

      (poi) La famiglia Bradford, Happy Days, La famiglia Addams.

      Secondo voi adesso dalla Signorina Silvani mi arriverà un bacio o uno sberleffo?

    14. utente anonimo Says:

      Perchè, Dharma & Greg lo trasmettono ancora? Ok, allora io Sex and the City l’ho visto; qulche volta è carino, altre stupido, altre addiritura deprimente, nelle conclusioni. Un telefilm. Non è di certo il mio programma preferito, non lo registrerei, ma non mi sembra peggio di JAG, se dobbiamo fare un esempio (escludendo “bietolone” e Cat Bell ;-) )… basta non pensare che abbia un “messaggio sociale”. Ora flagellatemi pure….

    15. Squonk Says:

      Ma io non volevo rubare il mestiere a Gianluca GNU Neri… comunque, i primi che mi vengono in mente (e quindi i più cari): Hill Street, NYPD, ER, Friends, Sopranos.

    16. utente anonimo Says:

      Non potrei mai sberleffarla, caro dr Zu. Un bacio sul baffo sinistro. Come si chiamava quella serie con padre scrittore inglese svanito, le due figlie bionde pestifere e la nanny serafica che faceva le torte al rabarbaro? Quella mi piaceva da morire…

    17. riccionascosto Says:

      Credo fosse “io e Nanny”, sig.na Silvani…. ha ragione… bellissima serie inglese, come quell’altra, che poi negli USA diventò “Tre cuori in affitto” (perdendoci, però, rispetto all’originale) … io comunque sottoscriverei anche quelli di ZU (tranne Gianni e il magico Alverman, che non conosco) e buona parte della lista di Squonk…. ora che ci penso, forse guardo troppa televisione.

    18. utente anonimo Says:

      Grazie drssa Riccio, lei è sempre preparata in tutto. Anche “Un medico tra gli orsi” non era male, ma poi è sparito: peccato, lui era così cariiiinooo…(s’allontana con ancheggiamento pieno di rimpianto)

    Leave a Reply