< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • March 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/03/2005

    La pensionata e il lattaio

    Filed under: — JE6 @ 21:49

    Chi la conosce sa che non ha avuto una vita facile. Non ha mai trovato marito, e chissà se l’ha mai cercato. Ha accudito una madre dal carattere difficile, vivendole accanto ogni giorno per decenni; ha lavorato facendo i conti con la propria natura, anch’essa dura e severa, seppure temperata da un discreto senso dell’umorismo. Ha aiutato vicini e semplici conoscenti, ha dedicato mille ore alla parrocchia ed alla sua biblioteca.
    Oggi, quando si alza, vede nello specchio una pensionata rimasta orfana all’età di settant’anni, con i capelli ogni giorno più radi e gli incisivi inferiori sempre più traballanti. Si veste, con la cura che le energie ed i soldi della pensione le permettono, ed esce di casa. Si tiene lontana dal centro commerciale per quanto le è possibile, perchè non ama la confusione ed i ragazzini che la spintonano; entra dal lattaio, saluta, si guarda un po’ in giro, scambia due parole, poi, con un’aria un po’ triste e un po’ smarrita, mormora “beh, in effetti non mi serve nulla… arrivederci”, saluta nuovamente ed esce. Fuori, splende il primo sole di primavera.