< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • March 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/03/2005

    Ricordi di un’estate

    Filed under: — JE6 @ 14:03

    Il titolare, qui, è in debito di un racconto sulle sue prime e non ancora dimenticate outdoor activities. Mettetevi comodi.

    E’ il 2000. Estate del 2000.
    I boss del CMD (Central Marketing Department) decidono che il meeting europeo si deve tenere in Italia, alla fine di agosto. Quindi, in qualità di marketing & communications manager della filiale italiana, l’organizzazione spetta a me. OK.
    Inizio. Affitto il Castello di Carimate: splendido posto, non troppo lontano dall’aeroporto, buon ristorante, prezzi decenti per le camere d’albergo. Organizzo i trasporti da e per Malpensa. Prenoto una specie di cena di gala in riva al lago di Como.
    Poi, parto per le ferie.
    Naturalmente, mi chiamano da Eindhoven il primo giorno delle vacanze estive. Lunedì ore 12, per la precisione. Dicono che gli servono le mappe catastali di Carimate.
    Svengo.
    Il giorno dopo, saluto la moglie, salgo sulla macchinetta e mi fiondo al comune, dove, contrariamente ad ogni mia aspettativa e speranza, mi danno le mappe in questione.
    Mi precipito a Milano, dove spedisco le mappe in Olanda via DHL.
    Arriva il giorno fatidico.
    Siamo circa una trentina, età compresa tra 30 e 55. Ci fanno salire su un pullman. Ci bendano. Il pullman parte, e gli abitanti della zona, ça va sans dire, si affollano lungo la strada per vedere lo spettacolo.
    A gruppi veniamo lasciati in ameni punti della campagna brianzola, avendo in mano un pezzo della mappa (e non certo quello della zona dove ci troviamo). Dobbiamo tenerci in contatto con gli altri gruppi via cellulare, in modo da mettere insieme le mappe e trovarci in un unico punto. Tempo previsto, due ore.
    In quella zona, nel 2000 i cellulari prendevano poco o nulla. Peccato che non mi avessero chiesto di fare questa verifica. Dopo mezz’ora, tre gruppi su quattro sono irrimediabilmente persi.
    Dopo due ore, due gruppi si ritrovano casualmente, e cercano di dirigersi verso Carimate. Vengono fermati dai Carabinieri che gli chiedono ragione del loro vagabondaggio. Adducono motivazioni che convincono poco o nulla i servitori della patria. Dopo un’altra ora, si ricongiunge (sempre in modo del tutto casuale) un terzo gruppo; tutti fanno rotta verso un paesino, che credo fosse Novedrate. Si fermano nell’unico punto ragionevole: il sagrato della chiesa. Poco dopo esce il parroco, facendo presente che di lì a poco si terrà una processione e quindi sarebbe cosa gradita lasciare libero il sagrato stesso.
    Dopo quattro ore dall’inizio della tortura arriva il pullman degli organizzatori che riporta a casa gli sventurati.
    La cena di gala è virtualmente andata a buone donne.
    Il giorno dopo, alle 7.30 (gli americani amano iniziare presto, al mattino), il WWMM (WorldWide Marketing Manager) esordisce con un “Yesterday was a great day, indeed”.

    Sconto quantità

    Filed under: — JE6 @ 10:35

    Meno di cinque giorni di scarsa manutenzione del blog, e 1028 commenti di spam. Argh.