< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • March 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/03/2005

    Adesso chiamo mio cugino

    Filed under: — JE6 @ 17:11

    Cari evasori fiscali, mi chiedo perchè vi industriate nell’escogitare trucchi di ogni genere per non pagare il dovuto al patrio fisco. In fondo, pare che sia sufficiente disporre di un manipolo di facinorosi disposti (magari dietro corresponsione di modico compenso) a sostenere la vostra nobile causa.
    Repubblica.it

    Tocca sempre ai migliori

    Filed under: — JE6 @ 11:48

    Io non c’ero, all’inizio degli anni Settanta. O meglio, ero un po’ troppo piccolo per capire, per giudicare.
    Quindi, ciò che oggi so di quegli anni è tutto di seconda mano. Provo sensazioni e do giudizi sulle persone sulla base di quanto vedo e leggo oggi, sulla base di quello che le persone mostrano oggi di essere.
    Faccio questa premessa per dire che ieri sera, in aereo, mi sono letto tre volte l’articolo di Claudio Sabelli Fioretti pubblicato sul Corriere della Sera Magazine di ieri. L’ho letto e riletto, perchè Csf cita alcune sue interviste a soggetti che continuano ad ammorbare giornali e televisioni di un paese che ha già tanti problemi.
    E ne vengono fuori perle di questo genere:

    [Intervista a Lanfranco Pace, parlando dell’omicidio Calabresi]
    Ma se tu conoscessi i nomi dei colpevoli, li diresti?
    «No. Non servirebbe a nulla. E non libererebbe Adriano. Anche se venissero fuori i vari responsabili dei servizi d’ordine cui ha fatto allusione in modo un po’ mafiosetto Giampiero Mughini, vale il famoso teorema che Adriano capo carismatico non poteva non sapere».

    [Intervista a Giampiero Mughini, sempre parlando di Calabresi e Sofri]
    “… io penso che un commando di Lotta Continua abbia ucciso Calabresi… ci sono dieci italiani che sanno chi ha ucciso Calabresi… Sofri? E’ più probabile che sappia…”

    [Intervista a Erri de Luca, ancora sul tema Calabresi]
    Tu lo sai chi ha ammazzato Calabresi?
    La risposta, piena di imbarazzo:
    “Preferisco non risponderti. Non mi sento libero di parlare di questo”

    Capito? Questi sono gli intellettuali di gran nome, quelli che fanno le morali, quelli che discettano di tutto e su tutti.
    Io non lo so se Adriano Sofri ha dato ordine di uccidere Calabresi. Se devo stare alle sentenze delle n corti che lo hanno giudicato, sì, lo ha fatto. E’ un assassino che non ha toccato la pistola. Eppure, se anche questo fosse vero*, provo nei suoi confronti un rispetto che non riesco a provare per questi omuncoli che sanno e non dicono, e una volta al mese dicono che bisogna approvare un’amnistia per chiudere un periodo orribile della storia patria, e una volta ogni sei settimane lanciano appelli alla pacificazione nazionale. Un loro (ex?) amico se ne sta dietro le sbarre, giudicato colpevole di un reato osceno e gravissimo; loro sanno chi sono i veri assassini, ma non dicono niente. Il loro (ex?) amico vede il sole a scacchi, e loro hanno il coraggio di dire che non si sentono liberi di parlare. Se non mi trovassi a provare persino vergogna per loro, direi che hanno uno spiccato senso dell’umorismo. Non si sentono liberi, poveretti.

    * Sia chiaro: so bene che ci sono parecchi dubbi su come si è arrivati a quelle sentenze. Ma poniamo che le cose siano davvero andate in quel modo.