< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • August 2007
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/08/2007

    Chiamate Grissom, e fatela finita

    Filed under: — JE6 @ 15:04

    Casini propugna il test del cotton fioc che ti ravana le guance. La Russa contrappone il test tricologico. Inutile dire che si attende con ansia il sostenitore dell’ispezione rettale.
    Corriere.it

    Survivor

    Filed under: — JE6 @ 11:39

    Forse ha ragione Vittorio Zambardino quando scrive che l’ultimo post scritto da Claudio Rinaldi sul suo blog sta diventando, nei commenti, una specie di collettivizzazione dell’obituary, “un genere anglosassone che spesso produce pezzi splendidi“. Sarà, ma a me un po’ dispiace arrivare su quella pagina e non trovare nulla – proprio nulla – che dica, che ricordi che Rinaldi è morto. Anzi, quasi mi dispiace che quel blog sia ancora, come dire, “vivo“.
    Scene digitali, Italia Loro

    Un paese di psicotici

    Filed under: — JE6 @ 09:54

    Ammettiamolo: “gli zingari rubano i bambini” è uno dei capisaldi dell’educazione italiana. Ci crediamo, come crediamo ai terroni sfaticati, ai torinesi-falsi-e-cortesi e a cento altri stereotipi. Certo, lo negheremo strenuamente, sapendo che ci dovremmo vergognare del solo siffatto pensiero. Ma quello, ostinato, resterà lì, per la maggior parte del tempo nascosto nei meandri della coscienza. Ogni tanto, però, farà nuovamente capolino: e qualcuno ne farà le spese.
    Corriere.it