< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • December 2008
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/12/2008

    Dai

    Filed under: — JE6 @ 09:13

    Da quant’è che stiamo camminando?
    Un’oretta, più o meno.
    E se andassimo a berci qualcosa?
    Stavo per chiedertelo io.
    Andiamo, allora.
    Dai.


    Senti.
    Dimmi.
    Mi dai la mano?
    A cosa ti serve?
    Ma che cazzo di domanda è, ma sei scemo? Ti sto chiedendo di tenermi per mano, di camminare mano nella mano. Capito?
    Oh. Sì, certo.
    Non ti va? Non è una cosa sconveniente, sai.
    No, lo so. Ma sì che mi va, è che…
    Dammi questa mano.
    Sì…
    Dai.


    Come stai?
    Bene. Perché?
    Stai zitto, non dici nulla.

    Davvero, sto bene, tutto a posto.
    Mi dai un bacio?
    Cosa?
    Un bacio. Voglio un bacio.
    Sì, ho capito. Perché lo vuoi?
    Per piacere, non fare domande. Non ci sarà altro, ma ti prego, dammi un bacio.
    Sai, non è che bacio a comando.
    Non ti va? Non ti piaccio?
    Ma basta con questa storia. Ci conosciamo da quanto? Dieci anni? Lo sai che mi piaci.
    E allora dammi un bacio.
    Ma cosa siamo, due sedicenni?
    No, ma un po’ sì. Almeno io, sì. Non è tanto brutto esserlo, sai. Almeno ogni tanto.
    Già.
    Allora?
    Allora cosa.
    Questo bacio. Uno. Uno bello, come Dio comanda. Un bacio, cazzo. Te l’ho detto, non ci sarà altro.
    Un bacio.
    Sì.
    Chiudi gli occhi.
    Dai.

    3 Responses to “Dai”

    1. mf Says:

      Ci sarà sempre altro, ecco perché Lui fa tante storie.

    2. diletta Says:

      Bello. Mi piacciono i post dialogati, e questo rendeva proprio l’idea di uno scambio di battute serrate, pieno anche di cose non dette, paradossalmente.
      @mf Non so se è sempre vero che dopo ci sia qualcosa. Certe cose hanno senso solo esclusivamente per quello che sono. Anche se ho capito cosa intendi, e mi è venuto da sorridere.

    3. Andrea Says:

      Glielo vuoi dare, ‘sto bacio?
      Ma sul serio.
      (Sembra una scena di Harry ti presento Sally, o giù di lì)

    Leave a Reply