< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • August 2009
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/08/2009

    Ci hanno presi per sfinimento

    Filed under: — JE6 @ 20:41

    Se sia un piano ben architettato e ancor meglio eseguito oppure una spaventosa reiterazione di congiunzioni astrali sfavorevoli, io questo non saprei dirlo. So che, a furia di proporla e riproporla con costanza e abnegazione, quasi qualunque vergognosa puttanata sia stata elaborata in questi anni (quelle che noi-sinceri-democratici una volta bolliamo come boutades ferragostane e la volta dopo come attentati allo stato di diritto – riuscendo ogni volta a sbagliare definizione, per poi rendercene conto ed affrontare così titubanti il successivo esercizio di indignazione) si è trasformata in realtà, in un fatto concreto e compiuto. Io non pensavo, per dire, che un giorno avrei visto all’opera le fantomatiche ronde di cui parlava (“farneticava”, dicevo io-sincero-democratico) Bossi. E insomma, invece eccole qui. E allora, quanto scommettiamo che fra un anno o due a Milano avremo i taxisti in livrea griffata, che faranno sfrecciare le loro Punto senza aria condizionata su strade degne della Dakar?
    Repubblica Milano

    Leave a Reply