< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • September 2010
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/09/2010

    Come stare in mezzo al mare

    Filed under: — JE6 @ 14:25

    Domani vado a Mantova, al Festival della Letteratura. E niente, ci vado perché Mantova è una gran bella città, e al Festival c’è tanta roba, e c’è tanta gente, ed è un bel modo per perdersi – stare in mezzo al tanto per diventare niente, sparire un po’, come stare in mezzo al mare che è tanto più grande anche di quel che riesci a immaginare.

    Nella bolla

    Filed under: — JE6 @ 08:40

    Li guardo, fermi alla fermata dell’autobus, lui con le mani sulle spalle di lei, lei che sposta lo sguardo e fissa un punto qualsiasi del marciapiede e lotta contro le lacrime che salgono. Sono soli, ma lo sarebbero comunque, anche se ci fossero cento altre persone in attesa del pullman diretto verso il centro della città, sarebbero lì nella loro bolla, loro due e nessun altro – o forse chissà, loro due e un terzo, o una terza. Avranno sedici, diciassette anni, e in questo preciso momento sembrano le persone più tristi del mondo. Si accende la luce verde del semaforo, mi fermo per un altro mezzo secondo a guardarli, sento un clacson suonare per dirmi di muovermi, ingrano la marcia, riparto.