< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • September 2010
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/09/2010

    Quattro (quarti)

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    C’è che quando sei lì, non importa se in autostrada in seconda corsia o fermo in coda al semaforo della circonvallazione, c’è che quando parte il quattro quarti senti il piede che tiene il tempo, strofa ritornello strofa, ed ecco che ti ripassa davanti agli occhi la scena che hai visto e pure sognato così tante volte, l’occhio di bue che ti prende in pieno e centomila persone che diventano una sola, grande, enorme che tiene il fiato e vola via mentre la scala del tuo assolo sale fino in cielo – verso l’infinito e oltre – ma lassù non ci arrivi se non hai il cuore che batte, e il cuore è quello, è il quattro quarti, la cosa più semplice che c’è, né il sette ottavi di “Money” né il nove ottavi dell’Apocalypse di “Supper’s Ready”, lo senti il colpo della cassa e sai che adesso arriva il piatto, la vedi la bacchetta che sta per scendere, dai dai dai – io non so nulla di musica, so che la vita batte in quattro quarti, come il cuore, proprio quello, tum tum tum tum, quattro quarti, quattro minuti e non ti serve altro perché è tutto lì, it’s only rock’n’roll but I like it, perfetto come le cose ridotte all’osso, niente trucchi per favore.

    Oro

    Filed under: — JE6 @ 08:55

    Oggi mia madre e mio padre festeggiano cinquant’anni di matrimonio. E credo che “festeggiare” sia, per loro, il verbo giusto. Non sono più il carabiniere trentenne che passava quindici ore al giorno in sella a una Guzzi 500, né la ragazza dal sorriso timido che, venuta da un remoto e minuscolo paesino nuragico, imparò il milanese leggendo Carlo Porta e facendosi volere bene come a una figlia da due meneghini di cento generazioni, occhi azzurri e capelli bianchi, l’Ambrogio e la Gina. Sono due persone normali, con le rughe e le incertezze dell’età e dello smarrimento davanti a un mondo che a volte sembrano non capire; per me, sono mia mamma e mio papà: gli voglio bene, e mi sono di esempio. Un esempio molto bello. Tutto qui.