< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • Il sol dell’avvenire
  • Nessuno
  • Rinnovi
  • Farsene un’idea
  • Progresso
  • Distinguo
  • December 2010
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/12/2010

    Con i tuoi occhi

    Filed under: — JE6 @ 15:11

    Ma sai che questo posto non  me lo ricordavo neanche più, l’ultima volta sarà stata, non so, dieci anni fa, eppure è la mia città, eppure è casa mia, ma mi sa che è sempre così, mi sa che uno alle sue cose si abitua e non ci fa più caso, ci passi davanti e non le vedi, poi arrivi tu e mi chiedi andiamo a fare un giro, arrivi tu da mille chilometri di distanza e allora certo che ti faccio vedere le cose che tutti dicono che belle, e usciamo e finisce che io non guardo più questa via con i miei occhi, no, lo faccio con i tuoi, vedo cose che non sapevo, un albero che è sempre stato lì e io chissà cosa guardavo, e quella vetrina? vuoi dirmi che non è nuova? oddio, e però è bello, la scalinata, un campanile, il parcheggio dietro al palazzo storico dove ci fermiamo in silenzio, tu a guardare e io a guardarti, chissà se è questa la proprietà transitiva, non importa, ma sai che è bello questo posto, sai che vorrei che tu tornassi più spesso, ché è bello vederlo con te, è bello vederlo attraverso di te.