< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La casa vuota della sinistra
  • Ci serve comunque un motivo
  • I’ll see you on the dark side of the moon
  • Noi e loro
  • Manifestazioni molto pacifiche
  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • Il sol dell’avvenire
  • December 2010
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/12/2010

    Quali cose siamo

    Filed under: — JE6 @ 16:22

    Io il design non lo conosco, non l’ho studiato. Sono soltanto uno che guarda gli oggetti, e lo fa senza avere strumenti di conoscenza particolari. Però è bello guardarle, le cose: ed è ancora più bello farlo in certi luoghi, che alle cose sono dedicati. Allora, se vai alla Triennale di Milano puoi entrare al Design Museum, e lì trovi questa esposizione, la trovi per un paio di mesi ancora, si chiama “Quali cose siamo”: e capisci che non bisogna vergognarsi di pensare di “essere” cose: non perché lo siamo noi, ma perché nelle cose ci siamo noi. Le cose sono noi. Te lo dicono la poltrona a pois, e l’abito che Caraceni ha cucito per Totò, e il progetto per una stazione di autobus, e il leone meccanico costruito sui disegni di Leonardo da Vinci, e la composizione di biro col cappuccio rosso, e il tavolo da ufficio e il portafiori fatto in un ospedale psichiatrico e cento altre cose piccole e grandi, comuni oppure eccezionali, prodotte in serie oppure esemplari unici: le cose siamo noi, e se poi uscendo per strada vedi mille cose brutte o, peggio ancora, cammini e cammini e non vedi nulla, ecco, quel nulla siamo noi.