< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • The Game
  • La casa vuota della sinistra
  • Ci serve comunque un motivo
  • I’ll see you on the dark side of the moon
  • Noi e loro
  • Manifestazioni molto pacifiche
  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • December 2010
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/12/2010

    Consolazioni

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Qualche giorno fa ero lì con questi amici, e scambiando quattro parole ho detto “ma dai, ma avete visto Sansonetti che scrive sul Riformista?” e loro che son sempre sul pezzo mi han guardato e le pupille gli son cascate dietro la nuca e mi han risposto quasi in coro “eh, da mo’ che ce scrive sopra”. Lì per lì mi son sentito come lo scemo del villaggio e ho lasciato cadere il discorso. Stamattina, vai a sapere il perché, la cosa mi è tornata in mente, e mi son detto che c’è chi legge o sa cosa succede al Riformista, e c’è chi segue Sansonetti, e non so, ecco, mi son consolato pensando che allora c’è chi sta peggio di me.