< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Noi e loro
  • Manifestazioni molto pacifiche
  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • Il sol dell’avvenire
  • Nessuno
  • Rinnovi
  • Farsene un’idea
  • December 2010
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/12/2010

    Da dove vieni davvero

    Filed under: — JE6 @ 16:54

    L’altra sera ero a cena con una decina di amici, di questi amici arrivati “dopo” – con il blog, il web, i socialcosi. Amici dei quali ti manca una parte enorme, ti manca com’erano da bambini, e da ragazzi, e quando si sono laureati o si sono svegliati con lo stomaco annodato per affrontare il loro primo giorno di lavoro. C’è una cosa che mi piace tanto del parlare con loro, mi piace sentire delle loro famiglie, dei posti dove andavano in vacanza quando avevano dodici anni, degli zii strani, delle cugine bellissime, dei paesi sconosciuti, dei nonni omerici. Ogni tanto mi piacerebbe conoscere il papà di questa e la mamma di quello, vedere se lui porta la barba e lei lo chignon, sentirne l’accento, trovarne le somiglianze, capire – vedendo l’altra faccia della luna – da dove vengono davvero queste persone che per me sono nate chi otto, chi cinque, chi un anno fa, da dove e da chi vengono, da dove e da chi sono scappate, a chi assomigliano e da chi hanno preso senza volerlo ammettere. Poi penso che in fondo è bello così, è bello sapere attraverso i racconti, poi magari un giorno chissà, capiterà di stringere una mano e dire buongiorno, sono S. , sono un amico di suo figlio, sì abito a Milano, sa che vi assomigliate proprio tanto.