< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • June 2004
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/06/2004

    A volte servirebbe un ombrello

    Filed under: — JE6 @ 16:14

    Inconvenienti del mestiere: (…) well, the guy at the end of the scene came up to me and said, “Dude, I’m really sorry, the scene turned out kinda weak and I need you to do a favor for me.” So I said, “Yeah, sure, whatever man.” And he said, “Ahhh, yeah. Can she pee on you?” And I said, “No, she can’t pee on me!” So he’s like, “Hey, come on, dude, gimme this solid. I’ll owe you one.” And I was like, “Okay, where is this gonna be? Like, nothing from the chest up.” And he said, “Yeah, she’s just gonna pee on your cock.” Which I could sorta deal with. Not to the point of arousal, but I was trying to be professional. The conclusion being that she peed on my cock, unfortunately had 17.5 gallons of water in her, and it was done on a tile floor so she and I were swimming in a lake of urine.
    Daily Grind

    Non ci sono più i brogli di una volta

    Filed under: — JE6 @ 16:03

    Mirco Pirini, sul blog di Claudio Sabelli Fioretti: Che professionisti del broglio comunista sono, quelli che tolgono voti a Forza Italia e li danno agli altri partiti della maggioranza stessa?

    Tre quintali di appunti

    Filed under: — JE6 @ 11:43

    Sarà questione di solidarietà professionale, ma di fronte agli arditi tentativi (a volte addirittura riusciti) degli strateghi di marketing di cambiare la natura intrinseca di un prodotto che sta sul mercato fin dal Pleistocene, io rimango sinceramente ammirato.
    Per dire, a me non sarebbe mai – davvero, mai – venuto in mente di provare a vendere una lavagnetta da appendere in cucina al prezzo di un frigorifero di ultima generazione. E ci riusciranno, sapete?
    Merloni/Indesit, Linea Graffiti