< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • June 2004
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/06/2004

    Non ci si può feedare di nessuno (o quasi)

    Filed under: — JE6 @ 16:50

    Per usare un eufemismo, nel mio Feedreader i feed di Blogitalia stanno combinando un troiaio di proporzioni epiche (e si apprezzi la scelta dell’aggettivo, per cortesia).

    Stop At the Hotel New Hampshire

    Filed under: — JE6 @ 13:54

    C’è gente che lancia il sasso e tira indietro la mano, ma ce n’è altra (quorum ego) che non viene meno ai suoi doveri.
    E quindi mi sento in dovere di lanciare la campagna di iscrizione al John Irving Blog Club. Aderite qui, nei commenti. E poi andate, e predicate il suo vangelo.

    Nella reading pipeline ho Foster Wallace e Carver, dopo di che passo alla terza rilettura di Hotel New Hampshire. La Yourcenar la tengo per le ferie, forse è meglio.

    Il grande cugggino

    Filed under: — JE6 @ 13:02

    Nella sua furia luddista tesa a difenderci dal Grande Fratello, il Garante per la protezione dei dati personali si è (neanche tanto) lentamente trasformato nel Grande Cugggino.
    Non c’è materia sulla quale non intervenga, molto spesso a sproposito, e sempre a senso unico: ergo, sostenendo a spada tratta qualsiasi diritto, reale o supposto, del singolo cittadino e contemporaneamente avversando i diritti delle aziende.
    La legislazione sulla tutela dei dati personali che attualmente è in vigore in Italia è, insieme a quella spagnola, di gran lunga la più restrittiva dell’intero mondo occidentale. A dispetto di quanto avviene nel resto del mondo, in Italia non si tiene minimamente conto del cosiddetto principio del bilanciamento degli interessi: il che, in soldoni, significa che io singolo cittadino ho il diritto di non essere “disturbato” da comunicazioni commerciali indesiderate; e, al tempo stesso, io azienda ho il diritto di comunicare sia a privati che ad altre aziende, dando loro la massima possibilità di non ricevere più i miei messaggi, se questi non sono graditi.
    Il luddismo di casa nostra fa sì che oggi viga il principio dell’opt-in (ricevo solo se ho esplicitamente richiesto di ricevere) per quasi ogni tipo di comunicazione diretta one-to-one. Con il bel risultato che, se da un lato non viene meglio tutelata la privacy del cittadino, dall’altro si affossano centinaia di aziende. Nel frattempo, basta restare seduti una mezz’oretta sul divano a guardare la televisione, per beccarsi non meno di una quindicina di spot non richiesti.
    Certo, rimane la soddisfazione di poter dire “adesso chiamo mio cugggino”. Mica poco, a pensarci bene.