< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • June 2004
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/06/2004

    Purple (and Yellow) Rain

    Filed under: — JE6 @ 14:05

    Non starò a tediarvi spiegandovi il perchè, dato che lo potrete scoprire in loco: sappiate che le padrone di casa del MicroBlogGiallo mi hanno eletto “Giallino del Mese”. Qui la nomina, qui il mio coming out.
    MicroBlogGiallo

    On demand

    Filed under: — JE6 @ 08:48

    Sto leggendo una raccolta di racconti edita da Minimum Fax dal non spregevole titolo “Tutta un’altra vita”. Prosatori italiani, Carlotto, Lodoli, Romagnoli, gente così. Anche Tiziano Scarpa, in effetti.
    Ora, il libro nasce su commissione di un grande gruppo assicurativo; ed una volta che lo si sa (cioè, dopo aver letto un terzo dell’introduzione), il titolo prende tutto un altro significato rispetto a quello che era stato capace di evocare ad una prima lettura.
    Si procede, pensando che un buon ottanta per cento dell’arte prodotta negli ultimi cinque millenni è stata commissionata dal mecenate di turno, e ciò non impedisce lo sdilinquimento di fronte alle opere di Leonardo o di Giotto, tanto per fare un paio di nomi.
    Ma, procedendo (premetto: sono a metà del quarto racconto, su sette che compongono la raccolta), ci si trova di fronte ad una sciatteria di scrittura e ad una povertà di trame da lasciare tramortiti. E viene da pensare che c’è modo e modo di guadagnarsi i soldi, e c’è modo e modo di darli. Modi migliori di questo, di sicuro.