< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • June 2004
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/06/2004

    L’Uomo Moderno

    Filed under: — JE6 @ 14:22

    Biografia dell’Uomo Moderno secondo AdRiX. E alzi la mano chi non commette almeno due dei peccati descritti dal Nostro.
    YAUB

    Paradossi delle proporzionalità inverse 2 – Spiegazioni

    Filed under: — JE6 @ 08:47

    Prima di tutto, i ringraziamenti, chè fa sempre piacere sentirsi dire “oh, guarda che io ci sono” ed anzi, ci si sente persino un po’ in colpa perchè ci si rende conto di essere i primi a non farlo. E quindi, appunto, grazie.
    Detto questo, credo che il post di ieri fosse abbastanza chiaro. Ho scritto che, al momento, questo blog è abbastanza vicino a ciò che vorrei che fosse; e questa, nel suo piccolo, è una soddisfazione. Sul serio, nessun rospo. Serenità assoluta (volano parole grosse, oggi).
    Il resto era una boutade, ma vi prego di non sentirvi presi in giro. Seguite il ragionamento: se mi sto avvicinando al mio optimum, e questo si accompagna ad un calo degli accessi, quando sarò arrivato all’optimum non ci saranno più accessi, e quindi il blog (strumento di comunicazione quant’altri mai) non avrà più necessità d’esistere. Ma si sa: la perfezione non esiste; e quindi, il giorno della dipartita di Squonk è ancora lontano – spero.

    Due paroline sui feed: io non ne farei una questione di religione o di principio, non ci costruirei sopra una scuola di pensiero. Per me sono comodissimi, praticamente irrinunciabili, così come lo sono per molti altri. Non per tutti, certo. Ma, almeno in questo ambito, ripeto, non ne farei uno spartiacque – o di qua o di là (Pialuisa Bianco, ve la ricordate?). Ci sono tanti modi di leggere, quello che conta è farlo. Come, è secondario.