< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2004
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/11/2004

    Grisù, pensaci tu

    Filed under: — JE6 @ 13:04

    La Florida del 2000 gli fa una pippa, a quelli della pizzeria “Pesce vela” di Albese: “C’è voluto un riconteggio finale per stabilire il vincitore della 17ma edizione del trofeo di mangiatori di peperoncino“.
    Per la cronaca, il vincitore si è ingurgitato 590 grammi di peperoncino crudo in mezz’ora; sulla lapide della tomba, al posto della croce, l’effige di una bottiglietta di Tabasco, quello rosso.
    Repubblica.it

    The party is over

    Filed under: — JE6 @ 09:03

    E’ passata un sacco di gente da queste parti, ieri.
    Suppongo sia per la gran quantità di link che, come sempre, fa seguito a eventi come il BlogRodeo Live o la BlogFest. Chi non ti conosce, viene a vedere chi sei (e perdonate per la cattiva impressione: la colpa è della mi’ mamma e del mi’ babbo), chi ti conosce viene a vedere se hai qualcosa da dire.
    Perdonate, ma di resoconti della BlogFest ce ne sono in giro a bizzeffe, e di ogni tipo. Io, davvero, non avrei da dire nulla di più se non le banalità del tipo “bella serata” “Tizio ha detto questo, Caio ha detto quell’altro” e cose del genere. Sarà l’umore – non dei migliori – ma mi pare che raccontare una festa a chi c’è stato sia del tutto superfluo, e raccontarla a chi non c’era sia quasi di cattivo gusto. Io, per questa volta, passo.