< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • I’ll see you on the dark side of the moon
  • Noi e loro
  • Manifestazioni molto pacifiche
  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • Il sol dell’avvenire
  • Nessuno
  • Rinnovi
  • June 2006
    M T W T F S S
    « May   Jul »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/06/2006

    La rivoluzione ha i capelli Bianchi

    Filed under: — JE6 @ 11:09

    Capisco che nessuno voglia il treno o la discarica dietro casa, ma da qualche parte si deve metterli. Sono perplesso che si debba andare dietro ai focolai di protesta.
    Preferisce concedere compensazioni economiche al territorio?
    Sono contrarissimo: significa ammettere che l’opera sta creando un danno, quando invece si sta facendo qualcosa per il Paese.
    E come si arriva all’unanimità nelle decisioni?
    Non si arriva. Non mi appassiona l’unanimismo. La democrazia si regge sul principio della maggioranza, il diritto di veto è una forma decadente di democrazia.
    Alessandro Bianchi, comunista, Ministro dei Trasporti.
    Corriere.it

    Cartoonia

    Filed under: — JE6 @ 09:58

    Per non saper nè leggere nè scrivere, dato che politici e politologi pensavano che la riforma costituzionale fosse materia troppo complessa per essere compresa dal popolo bue, il referendum è stato ridotto a “tagliamo duecento parlamentari nel 2011” (o 2016? comunque, in un futuro lontano e indistinto quanto potevano essere i giorni nostri per un assiro) contro “tagliamo quattrocento parlamentari entro questa legislatura” (vedi sopra). A Cartoonia avrebbero fatto le cose più seriamente.