< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • February 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    2526272829  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/02/2008

    E tre anni in più sono un capitale di esperienza

    Filed under: — JE6 @ 14:49

    Continuiamo con il work in progress delle inclusioni-esclusioni nel/dal PD:
    Fuori Ciriaco De Mita, anni 80.
    Dentro Umberto Veronesi, anni 83.
    Un piede dentro e uno fuori Giacinto Pannella detto Marco, anni 78.
    [Secondo me c’è una logica matematica dietro tutto questo, ma non ho ancora capito qual è]

    Chissà se lo fanno apposta

    Filed under: — JE6 @ 13:33

    Mi piacerebbe sapere quanta parte di sventatezza e quanta di perfidia c’è nella definizione giornalistica di “Liste pulite” – specie parlando di Forza Italia.
    Repubblica.it

    Bilanciamenti necessari

    Filed under: — JE6 @ 10:01

    Un consiglio da amico, rivolto soprattutto ai lettori maschi almeno quarantenni con padre ancora vivente, è quello di comprare “Patrimonio” e ritagliarsi mezza giornata per leggerselo senza interruzione. Farà male, e più volte: ma alla fine (forse) vi sentirete addirittura sollevati.
    Poi, però, passate a qualcosa di più leggero – dico, anche Vanity Fair va bene. Io sto leggendo l’ultimo saggio di Sofri, ma credo di aver bisogno di Topolino.