< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • March 2008
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/03/2008

    Non ci si può più fidare di nessuno

    Filed under: — JE6 @ 13:18

    La barra di Accuweather.com cerca di farmi credere che su Milano si stanno abbattendo rovesci di pioggia.
    [Update: con qualche ora di ritardo, pare che i rovesci si stiano avvicinando. Naturalmente, Accuweather.com in questo momento segnala “parzialmente soleggiato” e assenza di vento]
    [Aggiornamento delle 17.41: quattro gocce, cielo nero, vento, nuvole basse: siamo sempre a 18°, parzialmente soleggiato, vento a 2 km/h – magari domani va meglio, eh]

    So un-social

    Filed under: — JE6 @ 12:25

    Ho appena speso trentotto sterline per andare a un networking party, cioè una manciata di ore passate a bere birra e mangiare finger food avendo come scopo quello di scambiare biglietti da visita, salutare una manciata di persone che sono tanto amici quanto “business partner”, parlare del più e del meno cercando di intuire se ci sono possibili affari in vista, e tirar sera per spostarsi magari in un pub dove parlare solo di calcio, vacanze e lavori in casa.
    Di cose del genere, per lavoro, me ne toccano una quindicina all’anno, grosso modo. E più le faccio, meno ci credo – anche se non posso evitarle. Un po’ bisogna esserci portati, alla vita sociale: e io non lo sono particolarmente. Un po’ questi eventi tendono a soffrire di un gigantismo che ad un successo di facciata (“c’erano duecento persone!”, “hey, see, fifteen guys from Singapore and Hong Kong – great”) accompagnano risultati modesti in termini di numero e qualità dei contatti. Perchè la quantità in questi casi non può legarsi alla qualità, perchè se cerchi di parlare con più di dieci persone finisci per non parlare con nessuno, perchè non siamo Paris Hilton, perchè Paris Hilton ci fa anche un po’ tristezza, perchè ci vuole qualcuno che sappia fare il networker e questo è un lavoro da padrone di salotto – e non è un’abilità da tutti.
    Ma non è tutto. Sotto sotto (ma neanche tanto sotto, credo) c’è questa idea diffusa che “conoscere tanta gente” sia bello, gratificante e utile. Ora: utile, forse. E sottolineo il forse, perchè non ne sono così sicuro. Ma che la cosa sia bella e gratificante, ecco, non so. E poi, uno va a cena con cento persone ma alla fine il suo tavolo è fatto da otto; si ritrova ad essere follower di duecentocinquanta individui su Twitter e poi gliene interessano davvero solo tredici; ha cinquecento blog nel feedreader e ne legge forse trenta. Però non bisogna dirlo in giro, non a voce alta almeno.