< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • March 2008
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/03/2008

    Alumni

    Filed under: — JE6 @ 10:08

    Sabato tenevo tra le mani “Economia della felicità” di Luca De Biase; durante quei pochi minuti nei quali valutavo se comprarlo o meno [1] mi sono tornati alla mente i primi mesi della mia frequentazione della cosiddetta blogosfera, quando eravamo più o meno tutti sulla stessa barca, perchè il nostro microcosmo era veramente micro. Era come frequentare la scuola elementare, tutti imparavamo i fondamentali e tutti – senza saperlo – ci stavamo preparando per ciò che sarebbe venuto dopo.
    In quel “dopo” qualcuno avrebbe lasciato la compagnia, qualcuno si sarebbe dedicato alla letteratura, qualcuno si sarebbe interessato alla tecnologia, qualcuno sarebbe diventato un tuttologo, qualcuno un esperto di social media, e così via. Non c’è più un solo microcosmo, anzi: ce ne sono millemila. Io ogni tanto penso alla mia prima elementare ed ai miei compagni, e penso anche che mi farebbe piacere rivederli tutti.
    Feltrinelli
    [1] Sì, l’ho comprato.

    2 Responses to “Alumni”

    1. Auro Says:

      organizziamo? io ho ancora dei vecchi mostri sacri che vorrei conoscere, la Signora Frammento, ad esempio.

    2. BolsoFed Says:

      20 anni dopo li ho rivisti i miei compagni delle elementari… e sembra che si replichi per il 40ennale… 🙂

    Leave a Reply