< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • January 2009
    M T W T F S S
    « Dec   Feb »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/01/2009

    Gente come noi

    Filed under: — JE6 @ 17:22

    Sono stato a Mauthausen nell’agosto di alcuni anni fa, deviando una vacanza per capire – come io e mia moglie avevamo provato a fare qualche tempo prima a Dachau – come si presentava l’orrore, se faceva spavento anche cinquant’anni dopo essere stato chiuso. L’orrore, quel poco che noi potevamo vedere e intuire, stava lì, sotto il sole dell’estate austriaca, placido. Ricordo le grandi mura di questa specie di castello, le baracche ricostruite, il freddo delle camere a gas, il nero ipnotico delle bocche dei forni, il delirio della scala della morte. Come ci era capitato in Germania, passammo parecchio tempo in silenzio, mentre giravamo per il lager e poi all’uscita, in macchina verso Linz. Io non so se il Giorno della Memoria ha un senso, se serve a qualcosa o meno. Mi illudo che sia così, facendo finta di non sapere che erano uomini come me sia quelli che a Mauthausen morirono, sia quelli che a Mauthausen fecero morire.
    Wikipedia